Afghanistan. Caso Emergency passa alla Procura di Kabul, presto nomina di avvocati

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Afghanistan. Caso Emergency passa alla Procura di Kabul, presto nomina di avvocati

17 Aprile 2010

Il caso dei tre operatori di Emergency arrestati sabato scorso è stato passato alla Procura di Kabul. Lo hanno comunicato i servizi afghani. Questo, sottolineano le fonti, consentirà di poter nominare ufficialmente gli avvocati difensori, visto che sarà la stessa Procura che dovrà procedere alla formalizzazione dei capi di imputazione.

Intanto, l’inviato speciale del ministro degli Esteri Franco Frattini, ambasciatore Iannucci, accompagnato dall’Ambasciatore Glaentzer, ha fatto sapere di aver recapitato al Presidente Karzai il messaggio del ministro degli Esteri Frattini e la lettera del Presidente del Consiglio Berlusconi relativi alla vicenda dei tre cittadini italiani arrestati.