Afghanistan: Karzai non tratta per ostaggi francesi

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Afghanistan: Karzai non tratta per ostaggi francesi

15 Aprile 2007

Il ministro degli esteri
afghano, Rageen Dadfar Spanta, ha riaffermato con vigore il
rifiuto del suo governo di trattative con i sequestratori gia’
espresso dal presidente Hamid Karzai, proprio nel giorno in cui,
a giudicare dalle ultime comunicazioni dei Taleban, sta per
essere deciso il destino dei due ostaggi francesi sequestrati
dal 3 aprile scorso nella provincia meridionale di Helmand.
La provincia di Helmand e’ la stessa area dell’Afghanistan
nella quale si intensificano costantemente attacchi dei ribelli
e controffensive delle forze Isaf-Nato e afghane:nelle ultime 24
ore il bilancio e’ di oltre una ventina di morti afghani.

Il massimo impegno per la liberazione dei due ostaggi e’
stato promesso dal presidente afghano, Hamid Karzai, al collega
francese, Jacques Chirac, quando quest’ultimo gli ha telefonato
due giorni fa. Ma oggi un piccolo colpo di scena ha confermato
il rifiuto gia’ espresso con decisione da Karzai nelle settimane
scorse di svolgere trattative con sequestratori, dopo quella
conclusasi con la liberazione del giornalista italiano Daniele
Mastrogiacomo.