Afghanistan, Parisi: “I militari liberati sono del Sismi”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Afghanistan, Parisi: “I militari liberati sono del Sismi”

24 Settembre 2007

I due militari rapiti sabato sera e liberati in Afghanistan questa
mattina appartengono al Sismi. Lo conferma il ministro della Difesa, Arturo
Parisi nell’informativa urgente emanata dal governo sul sequestro e la
liberazione di due militari in Afghanistan.

Intanto, il vice presidente del gruppo di An al Senato,
Alfredo Mantica, commenta così l’episodio del rapimento: “La liberazione dei
nostri due soldati riaccende i riflettori su una guerra che si preferisce non
chiamare con il suo vero nome. E ripropone l’inconciliabilità tra le varie
componenti di una coalizione creata all’insegna dell’assemblaggio”. Lo dichiara
da New York, dove si trova per assistere all’Assemblea dell’Onu.

 Invece la presidentessa
dei senatori del Pdci, Emanuela Palermi, sottolinea che la posizione del suo
partito sulla missione in Afghanistan non è per nulla destinata a cambiare. “E`
vergognoso l`attacco a cui viene sottoposto il mio partito, che ha solo il
merito e la coerenza di chiedere – da sempre – il ritiro delle truppe italiane.
Lo abbiamo fatto per l`Iraq, e anche allora gli attacchi della destra erano gli
stessi di oggi”.

“Spero che le condizioni del militare italiano gravemente
ferito durante il blitz migliorino rapidamente. Non riesco neanche a pensare
all`angoscia che sta vivendo la sua famiglia, e mi chiedo che senso ha il
rischio anche di una sola vita rispetto ad una guerra ovviamente sbagliata – e
nei fatti fallita – come quella in Afghanistan”, ha affermato.

E conclude: “Vedo che l`opposizione è inorridita dalle
parole di Diliberto. Mi piacerebbe che una parte di quell`orrore venisse alla
luce anche rispetto al rischio che corrono i nostri militari e i tanti civili
afgani, gente innocente che viene uccisa da quella sporca guerra. E invece,
anche di fronte a fatti così gravi, si assiste al solito teatrino della politica”.