Home News Aggressione a Berlusconi, Sabina Guzzanti: “Ho stimato la sua fierezza”

Aggressione a Berlusconi, Sabina Guzzanti: “Ho stimato la sua fierezza”

0
1

"Sì, mi ha fatto moltissima pena vedere Berlusconi ferito. Ho visto il volto insanguinato. Ho visto un vecchio ferito. Quando è uscito per vedere in faccia il suo aggressore ho provato anche stima per la fierezza e ho visto anche un politico, credo per la prima volta". E' quanto scrive Sabina Guzzanti sul suo blog, commentando l'aggressione subita dal presidente del Consiglio in piazza Duomo a Milano.

L'attrice dice di aver "provato pena, anche se quest'uomo è quello che ci avvelena la vita da vent'anni e ha distrutto il mio Paese. Provo pena nonostante tutto perché sono umana. Quella stessa pena che Berlusconi non ha provato per le centinaia di persone pestate a sangue a Genova, per le violenze che subiscono immigrati, carcerati, i manifestanti di Chiaiano manganellati. Sarebbero questi quelli che chiamano i 'sè e i ma'?".

"Non dico che sia stato un gesto parzialmente giustificato dal contesto - spiega la Guzzanti - La pena, la solidarietà umana che io e molti di voi abbiamo provato non è corrisposta. Ho detto che noi abbiamo repulsione per la violenza anche nei confronti di un uomo che la pratica, che è il mandante di tanti gesti di violenza. Non ci sono dubbi per me. Non avrei voluto che accadesse, non voglio che si ripeta".

Per Guzzanti, il premier "non è stato ferito da un'organizzazione politica, ma da un uomo isolato mentalmente sofferente. Perché dobbiamo prenderci la responsabilità di questo gesto?". Poi conclude dicendo: "Un uomo che ha quel popò di pendenze, di ombre, di accuse a cui non si è mai degnato di rispondere, che provoca continuamente insultando istituzioni, lavoratori, che soffoca il parlamento, a quest'uomo non si può permettere di stare in mezzo alla folla perché è assolutamente imprudente".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here