Alcol, in aumento il consumo di aperitivi tra gli under 18

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Alcol, in aumento il consumo di aperitivi tra gli under 18

03 Marzo 2009

Cresce tra i minorenni l’uso di alcolici fuori pasto.  Il dato parla chiaro: il 20,5 per cento dei ragazzi tra i 14 e i 17 anni consuma aperitivi alcolici e super alcolici. E’ quanto emerge dal Rapporto “Osservasalute 2008” coordinato dal professor Walter Ricciardi, direttore dell’Istituto di Igiene della facolta’ di Medicina e Chirurgia, presentato all’Università Cattolica di Roma. Lo studio che ha impegnato 266 esperti di sanita’ pubblica, evidenzia un trend in ascesa: rispetto al 2001, infatti, il numero di minorenni che assume alcol anche fuori dai pasti è salito di cinque punti percentuali.

L’uso di aperitivi alcolici tra gli under 18 è passato dal 19,3 per cento al 24,2 per cento, mentre quello dei super alcolici è cresciuto dal 10,8 per cento al 12,7 per cento. C’è un altro dato che emerge dal Rapporto:  trend in crescita anche per il consumo di sigarette.  In un anno i fumatori sono  aumentati dello 0,5 per cento toccando quota 28,8 per cento tra i ragazzi, mentre tra le giovani il dato si attesta su un +0,8 per cento, raggiungendo il  17 per cento.

 In controtendenza, invece, il numero di italiani che dichiarano di fare sport. Dal 20,9 per cento del 2007, si è passati al 20,5 per cento. In altre parole, solo un italiano su cinque pratica attività sportiva.  Direttamente correlato a questo è l’aumento dei cittadini in sovrappeso. Anche qui i dati parlano di un costante incremento, specie tra gli uomini che risultano in sovrappeso nel 43,8 per cento dei casi. Tra le donne, invece, la percentuale si attesta al 26,8 per cento.