Allarme a Roma: pacchi sospetti alle ambasciate di Grecia e Venezuela

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Allarme a Roma: pacchi sospetti alle ambasciate di Grecia e Venezuela

27 Dicembre 2010

Nuovo allarme a Roma di fronte alle ambasciate: due sospetti pacchi sono stati recapitati di fronte all’ambasciata greca e a quella del Venezuela.

Nel primo caso si trattava di un vero ordigno e gli artificieri dei carabinieri stanno procedendo a disinnescarlo. Nel secondo sembra essersi invece trattato di un falso allarme. "La polizia e i vigili del fuoco sono all’ambasciata della Grecia in via Rossini", ha detto un funzionario di polizia, aggiungendo che anche i pompieri hanno inviato tre squadre. Un altra segnalazione è stata fatta anche per la sede diplomatica danese.

"C’è un altro sospetto pacco arrivato all’ambasciata del Venezuela, in via Tartaglia". Dopo questa segnalazione le forze dell’ordine hanno però già verificato che si è trattato di un falso allarme.
La scorsa settimana due pacchi bomba, rivendicati da un gruppo anarchico, sono esplosi presso l’ambasciata svizzera e quella cilena, provocando il ferimento di due persone.

In mattinata intanto i carabinieri avevano già verificato un falso allarme all’ambasciata del Principato di Monaco, in Via Saverio Mercadante. Anche da lì era stato segnalato un pacco sospetto, dentro al quale c’era invece una semplice agenda.