Home News Appalti-Napoli. Tra i contati ambigui di Mautone spunta anche Di Pietro jr

Appalti-Napoli. Tra i contati ambigui di Mautone spunta anche Di Pietro jr

0
30

I contatti tra Cristiano Di Pietro, figlio del leader dell'Italia dei valori, e Mauro Mautone, l'ex provveditore alle opere pubbliche della Campania e del Molise ora agli arresti domiciliari, "tendenzialmente potrebbero rientrare nell'ambito dei ruoli istituzionali ricoperti, hanno assunto nel corso delle indagini un contenuto alquanto ambiguo". Lo rileva la Dia nel'informativa trasmessa alla procura di Napoli nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti nel capoluogo campano.

Gli investigatori citano a questo proposito le richieste di Cristiano di "affidare incarichi a persone da lui segnalate anche al di fuori degli ambiti di competenza istituzionale (Bologna)" e si parla di presunti interessi del figlio del ministro "in alcuni appalti e su alcuni fornitori". In un'altra telefonata un ex parlamentare dell'Idv comunica a Mautone che con lui si trovano due architetti amici di Cristiano, "ai quali non bisogna far prendere collera".

Per quanto riguarda Mautone gli investigatori riferiscono che "in maniera sistematica smista l'enorme potere di cui dispone per favorire in maniera trasversale qualunque componente politica e istituzionale ne faccia richiesta accogliendo tutte quelle istanze che gli vengono rivolte per favorire imprese e professionisti vicine al potere".

In tal modo "il provveditore finisce di sovente per amministrare la cosa pubblica a proprio piacimento". Nell'informativa, sulla base di numerose intercettazioni, si fa riferimento a suoi interventi presso la Corte dei Conti, ai rapporti con una serie di esponenti politici nazionali e locali (consiglieri regionali e parlamentari) ai quali vengono segnalate "imprese amiche anche nell'assegnazione di lavori pubblici". Si citano inoltre rapporti con un esponente della Curia nonchè con l'allora questore di Napoli e con il comandante provinciale dei carabinieri sollecitati a intervenire a favore di suo figlio coinvolto in una rissa davanti a un ristorante. Per questa stessa vicenda, secondo quanto sottolineato dalla Dia, Mautone si rivolse anche a pregiudicati ("gente di mezzo alla strada") per far ritirare la denuncia per lesioni che era stata presentata contro il figlio. L'informativa fa riferimento anche a presunte assunzioni clientelari in uffici pubblici (Asl, Università, e Recam) e in imprese con cui il provveditore aveva rapporti.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here