Aggiungi la tua firma

Appello per liberare Gilad Shalit a due anni dal suo rapimento

129
10

Il 25 giugno del 2006 il soldato oggi ventiduenne di Tzahal, Gilad Shalit, veniva rapito in territorio sovrano israeliano, al confine con la Striscia di Gaza, da terroristi di Hamas. Sono due anni che questo ragazzo è stato privato della sua libertà mentre compiva il suo dovere di servire lo Stato. Da allora non sono pervenute notizie accreditate circa il suo stato di salute e nemmeno la Croce Rossa Internazionale è mai stata autorizzata a visitarlo, così come nel caso di Eldad Reghev e Ehud Goldwasser, i due soldati rapiti sul fronte settentrionale da Hezbollah, 17 giorni dopo Ghilad Shalit. 

In questi giorni, il governo israeliano e quello egiziano – che funge da mediatore nelle trattative con Hamas – stanno intensificando i contatti per includere la liberazione di Shalit negli accordi di tregua. Tregua che è stata oggi violata con il lancio di 4 razzi Qassam sulle città israeliane del Neghev occidentale. Tra le richieste di Hamas, quella di rilasciare 450 detenuti palestinesi, molti dei quali con sangue sulle mani, oltre a rappresentare una contropartita sproporzionata per garantire la libertà di un soldato e cittadino israeliano, è un prezzo estremamente alto per la sicurezza stessa dello Stato d’Israele. 

In un’ultima lettera presumibilmente di pugno di Gilad Shalit, recapitata alla sua famiglia il 9 giugno scorso, il soldato esprimeva tutta la sofferenza e le difficoltà di salute, oltre che psicologiche, in cui si trova. Il momento è critico e auspichiamo che le trattative non vengano interrotte e che la mediazione egiziana possa portare ad esiti soddisfacenti. Ci rivolgiamo quindi al governo e alla società italiani affinché, in questa delicata situazione in cui le trattative su entrambi i fronti sembrano essere più che mai aperte, si mobilitino per rompere l’isolamento in cui si trovano Gilad Shalit nelle mani di Hamas e Golwasser e Reghev nelle mani di Hezbollah, a ormai due anni dal loro allontanamento forzato da casa. 
 

Firme 

On. Fiamma Nirenstein – Vice Presidente Commissione Affari Esteri e Comunitari

Sen. Gaetano Quagliariello - Presidente vicario del gruppo Pdl

Sen. Maurizio Gasparri - Presidente del gruppo Pdl

On. Margherita Boniver – Presidente Comitato di controllo Accordo Schengen

On. Enrico Pianetta - Presidente Intergruppo Italia-Israele

On. Furio Colombo

On. Paolo Guzzanti

On. Giorgio La Malfa

On. Gennaro Malgieri

On. Riccardo Migliori 

On. Matteo Mecacci

On. Souad Sbai

Sen. Marco Perduca

Riccardo Pacifici - presidente della Comunità Ebraica di Roma

Giancarlo Loquenzi - direttore de l'Occidentale

Associazione Appuntamento a Gerusalemme

Associazione romana Amici d’Israele 

Massimiliano Iervolino - Delegato ai diritti umani della Provincia di Roma

Bruno Mellano - Associazione Radicale Adelaide Aglietta

UGEI - Unione Giovani Ebrei d'Italia

 

  •  
  •  

129 COMMENTS

  1. Vorrei che queate firme
    Vorrei che queate firme potessero servire per ottenere rapidamente la liberazione di Gilad, e non solo.

  2. Aderiamo – da Israele
    Aderiamo all’appello per la liberazione di Ghilad Shalit, senza dimenticare Ehud Golwasser e Regev.
    Rivka Vigevani
    Cecilia Nizza
    da Israele

  3. Aderiamo
    simonetta sanavio,
    giancarlo sanavio,
    mauro d,
    francesca principe,
    mario coccia,
    deborah fait,
    alberto cherti

  4. Che fare ?
    In Israele si parla in questi giorni dei soldati rapiti (in Israele) Ehud, Eldad e Ghilad. Pare che la trattativa stia volgendo al termine ma ci sono ancora alcuni dubbi e problemi. Il dubbio principale che si sente nei media e’ se vale la pena liberare il boia Samir Quntar e altri terroristi in cambio di due salme. La moglie di Ehud dice che la trattativa in origine verteva su Samir Quntar in cambio dei due ragazzi israeliani vivi. Ma nell esercito c’e’ chi ha dei dubbi se siano vivi o no, e anzi dice che ci sono piu’ probabilita’ che non siano piu’ in vita. In questo caso e’ giusto liberare Quntar per avere indietro due soldati non piu’ in vita ? Io sono propenso per il no, e in questo sarei daccordo con la posizione di Olmert su questa tragedia (da quello che ho sentito nei media, mi sembra di aver capito che Olmert teme che i soldati non siano piu’ vivi), ma i famigliari non vogliono sentire ragioni e insistono nel dire che i ragazzi sono vivi.
    Inoltre nell’ esercito c’e’ chi dice che nel caso in cui venga liberato Quntar in cambio di due salme, Shalit sarebbe in peggiore pericolo : Hamas potrebbe richiedere la stessa cosa ; terroristi vivi in cambio di Ghilad non piu’ vivo. Per ora si sa che Ghilad e’ ancora vivo.
    Vedete cosa fanno i Hizballah e Hamas ? Vedete che genere di ricatti sono capaci di fare ? C’e’ qualcuno in Italia che spiega alla gente queste cose ?

  5. Appellp per la liberazione di Gilad
    Ciao Gilad soldato di una nazione che vuole bene a tutti quelli che la difendono, che con la tua forza stai dando a tutti noi la speranza di rivederti, e col tuo sorriso dai ai tuoi genitori un motivo in più per poterti ancora riabbracciare,
    Un abbraccio a te, figlio e soldato d’Israele.

    Viva Gilad, viva Israele.

  6. Vicinanza e solidarietà da TREVISO
    L’Associazione Trevigiana Italia-Israele ricorda con tristezza il rapimento del giovane Shalit e rinnova la vicinanza e la solidarietà alla Famiglia e a tutti i giovani ragazzi e ragazze che garantiscono la sicurezza e la sopravvivenza dello Stato di Israele.
    http://www.italiaisraele.free.bm

  7. aderisco all’appello
    (ושבו בנים לגבולם (ירמיה לא,יז
    E i figli torneranno nei loro confini
    (Geremia 31:17)

  8. Appello per liberare Gilad Shalit a due anni dal suo rapimento
    Due anni un eternità tolta alla vita di un giovane chiamato a fare il suo dovere in un Paese da sempre sotto minaccia. Firmo nella speranza di vederlo libero al più presto.

  9. Liberazione
    Solo le persone che negano la sacralità della vita, che usano i bambini per ripararsi dagli attacchi, che mantengono le donne in una schiavitù perenne, non meritano nessuna pietà ed indulgenza.

  10. Liberazione Gilad Shalit
    Aderisco all’appello per la liberazione di Gilad Shalit e degli altri 2 soldati nelle mani degli hezbollah.

  11. appello per liberare Gilat Shalit
    Solidale con l’appello per liberare il giovane Shalit.
    Cosa vogliono in cambio? 300 e più prigionieri palestinesi?
    Ciascuno di loro deve valere molto poco!!
    Luciana

  12. Liberateli
    Quanto possono essere colpevoli quei ragazzi?
    Penso che avranno già pagato un prezzo troppo alto quindi Restituiteli alle loro famiglie e date un segnale di buona volontà per cercare la pace.
    Dopotutto Israele ve ne ha dati tanti di segnali ma sembra che da questo orecchio non volete sentire.
    LIBERATELI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. aderisco!ogni individuo deve
    aderisco!ogni individuo deve essere lasciato libero; tanto più se è un giovane innocente a pagare le conseguenze…

  14. Che sia liberato, e tornato
    Che sia liberato, e tornato a casa da i suoi cari.
    Sarebbe un gesto di grande umanita`. Liliana

  15. Appello liberazione Gilad Shalit
    Il ricatto di chi usa il rapimento per i suoi fini, oltre ad essere un atto di vigliaccheria, è un ostacolo alla vera pace, quella basata sul riconoscimento reciproco e non sulla paura. Liberatelo.

  16. Aderisco
    Bisognerebbe pretendere, sospendendo ogni forma di aiuto in denaro, che i palestinesi e gli hezbollah, rilascino quei soldati. Altrimenti tutto è vano, i devoti di Allah, è certo che, amano più i soldi che il loro Dio.
    NON ESISTE ALCUNA PROVA CERTA CHE TESTIMONI CHE QUEI SOLDATI SONO ANCORA VIVI.
    Con questo Kadimà, al governo, adesso stiamo a assistendo a lanci di razzi e a nessuna reazione, da parte israeliana. Israele può perdere solo se viene svenduta da degli ebrei, altrimenti non ce la fanno. Israele è forte. Israele ha ragione.
    Francesco Giuseppe Mangascià

  17. appello
    Mi assoccio all’appello dei parlmentari italiani per la liberazione immediata di Gilad Shalit. Speriamo e preghiamo tutti che Gilad torni presto a casa sua, dai suoi familiari, e alla sua vita.

  18. La liberazione sarebbe un
    La liberazione sarebbe un punto di incrinatura sulla corazza di barbarie che avvolge – senza confini – le vicende dell’umanità

  19. Liberi tutti!
    Zachary Baumel,Yehuda Katz, Zvi Feldman, rapiti nel 1982, Ron Arad, rapito nel 1986, Guy Hever rapito nel 1997, oltre naturalmente a Ehud Goldwasser e Eldad Regev rapiti poco dopo Gilad Shalit.

  20. sottoscrivo l’appello
    cerchiamo di ampliarlo il più possibile, visto che l’ultima volta, ho raccolto più di 500 firme in due ore in tutta Italia e circa 300 firme di deputati italiani.
    Angelo Pavoncello

  21. La pace non può prescindere
    La pace non può prescindere dalla liberazione di chi fa il dovere di servire il proprio Paese.

  22. hamas mai stato umano.
    non credo assolutamente in un gesto di umanità da parte di hamas. tantomeno alla liberazione di shalit se non alla fine di lunghe trattative che mineranno la sicurezza di israele. Firmo comunque, speranzoso, ma dubito possa servere a molto, hamas è un’organizzazione terrorista delle più crudeli, e trattare con essa è come legittimarne la condotta.

  23. Quando si parlava di equivicinanza….
    …della politica estera italiana, tra paesi democratici e gruppi armati di terroristi, c’era da sentirsi contorcere le budella. Dove è potuta finire la nostra civiltà!? Ritrovarsi tra gli “odiosi” sostenitori dei principi di neutralità, qundo in gioco ci sono da una parte la democrazia e la lotta per la sopravvivenza e dall’altra fondamentalismo di stampo “nazista” e odio? E’ stato davvero il massimo che si è potuto osare col precedente governo! Come è stato possibile? Gli italiani dov’erano? Come si è potuto ignorare che mentre Isralele veniva bersagliato dai razzi degli hezbollah, e subiva un attacco ingiustificato con la cattura di militari israeliani immpegnati nel pattugliamento dei confini, il nostro ex ministro degli esteri D’Alema parlava di reazione eccessiva di Israele e si faceva accompagnare sui luoghi delle rovine di Beirut, braccio a braccio, da uno dei leader di hezbollah?
    Chiediamo,ora, con l’Italia liberata dai cinici sostenitori dell’odio, ed anche in nome dei principi di civiltà, la liberazione dei soldati israeliani trattenuti, senza alcun motivo, e fuori delle regole internazionali, dai gruppi di Hamas e di hezbollah.
    La comunità internazionale ha il dovere di utilizzare tutti i mezzi, anche l’embargo economico se è il caso, verso quei paesi che per complicità o per viltà sembrano insensibili alle questioni della vita e della dignità degli uomini.
    Pongo così con convinzione la mia firma a sostegno di questi ragazzi sottratti, in così giovane età, agli affetti, allo svago, alla spensieratezza, per odiose culture dell’odio. Vito Schepisi

  24. quoto “liberi tutti”
    Gilad a casa subito!

    ma gli altri? degli altri la ferocia dei terroristi e’ tale da indurli a non dare nemmeno una notizia. La mamma di Ron Arad e’ morta di crepacuore senza sapere se il figlio fosse vivo o morto. Ieri alla manifestazione per Gilad c’era la figlia di Ron che non ha mai conosciuto il padre.
    La barbarie di hamas e hezbollah e’ disumana.

    “Zachary Baumel,Yehuda Katz, Zvi Feldman, rapiti nel 1982, Ron Arad, rapito nel 1986, Guy Hever rapito nel 1997, oltre naturalmente a Ehud Goldwasser e Eldad Regev rapiti poco dopo Gilad Shalit.”

  25. liberate Gilad
    Doveva essere liberato già all’invio delle truppe Unifil, assieme agli altri due poveri ragazzi , questa è la parola di Hamas-Hezbollah.
    Bisogna costringerli a liberarli! come si fa ad avere “dialogo” con gente così?

  26. dovè????
    “nemmeno la Croce Rossa Internazionale è mai stata autorizzata a visitarlo!”

    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    nemmeno la croce rossa può visitarlo!
    ……..

  27. Liberatelo !
    Firmo questo appello da Italiano e per l’ammirazione che ho verso il Popolo Ebraico, perchè Israele è l’unica Nazione libera e democratica del Medio Oriente e DEVE rimanere tale !

  28. Appello per Shalit
    Non posso non condividere l’iniziativa senza dimenticare l’analoga situazione nella quale, come Gilad Shalit, si trovano Eldad Reghev e Ehud Goldwasser.

  29. liberazione shalit
    Aggiungete pure le firme mie e dei miei figli:
    Angela Ronchini
    Marguerita Del Bianco
    Stefano Del Bianco
    Lavinia Del Bianco

  30. appello per Gilad Shalit
    Sono vicina col cuore a Gilad Shalit e ai suoi famigliari, e spero che venga liberato al più presto!

  31. Ghilad subito libero!
    Non mi rassegno a considerare Ghilad, che ormai è un “benì”, come merce di scambio di chissacché.
    Voglio Ghilad libero, subito a casa!!

  32. Appello
    Quando si è sicuri di un’amicizia, ci si fa anche garanti dei propri amici. D’Alema, dimostra a tutti che avevi ragione! Mettiti al primo posto della lista per la liberazione di Gilad e di tutti i prigionieri israeliani ingiustamente tenuti lontani dsalle loro famiglie!

  33. aderisco alla liberazione di Gilad Shalit
    con tutto il cuore, affinchè, dopo tante sofferenze, questa giovane vita possa ritrovare nell’amore grande della sua famiglia e nella nostra solidarieta’, serenità.

  34. liberate Gilad!
    Sottoscrivo l’appello chiedendo a tutti di tenere desta l’attenzione, affinchè non si lasci nulla di intentato, mobilitiamoci per che lo sfortunato Gilad e anche gli altri suoi due compagni di sventura, possano tornare alle loro case sani e salvi e abbracciare i loro cari, vi invito anche a leggere la splendida storia scritta da Gilad alla tenera età di undici anni, storia di fratellanza e di pace, il libro è edito dalla Giuntina Edizioni e illustrato da bravissimi artisti Israeliani, il tutto a sostegno di Gilad e dell’Associazione Keren Maor che aiuta le famiglie dei soldati israeliani e li assiste nella lotta per la loro liberazione.

  35. Liberate Gilad, Udi ed Eldad
    Questa dovrebbe essere la PRECONDIZIONE a qualsiasi ulteriore contatto: che sia di pace o di tregua.

    Daniela Santus
    (docente universitaria)

  36. adesione all’appello
    Aderisco come persona, come presidente nazionale dell’O.D.D.I.I. Osservatorio del Diritto Italiano e Internazionale e come direttore Responsabile di Lisistrata magazine on line ( http://www.lisistrata.com ) perché si esta dall’obbrorio dei ricatti assassini che hanno imbarbarito la nostra società umana e voglio ricacciarla nella protoistoria ove imperava il caos e la legge del più forte.

  37. Gilad
    Ancora una volta i palestinesi si dimostrano quello che sono, con la loro orrenda contabilità: quanti terroristi valgono un ragazzino di 20 anni? Decine, centinaia di criminali assassini per riavere a casa Gilad. Ma per noi salvare una vita vuol dire salvare un mondo intero, e non rinunceremo al nostro ragazzo

  38. appello per Gilad Shalit
    Aderisco all’appello per la liberazione di Gilad Shalit. Per chi crede nella sacralità della vita, la sua vita in questo momento va salvata ad ogni costo.

    Guido Guastalla
    Presidente Associazione Società Aperta Magna Carta
    Assessore alla cultura Comunità ebraica di Livorno

  39. Dopo tante sofferenze, possa
    Dopo tante sofferenze, possa finalmente questo ragazzo ritrovare l’affetto dei suoi cari. Hurricane 53

  40. Appello per Gilad Shalit
    La crudeltà dell’Islam dovrà finire.
    Liberate questo innocente, non ha altra colpa che aver servito la sua Patria

  41. Liberazione Gilad Shalit
    Sottoscrivo l’appello per la liberazione del Bambino Soldato.
    Caro Fanciullo resisti e fatti coraggio!
    Un amico fisicamente lontano ma con l’animo e il cuore vicino.
    Shalom, shalom!

  42. Aderisco
    ma prego i responsabili di pensare bene cosa significa cedere a un ricatto . Significa esporsi ad altri e più tremendi in futuro .

  43. LIBERAZIONE GILAD
    DOBBIAMO TUTTI ALZARE LA VOCE A SOSTEGNO DELLA LIBERAZIONE DI GILAD INGIUSTAMENTE DETENUTO DA DUE ANNI. TROVIAMO IL MODO MIGLIORE PER PUBBLICIZZARE QUESTA INIZIATIVA E PER FAR CONOSCERE AI GENITORI LA NOSTRA VICINANZA, CONTRO TUTE LE VIOLENZE E PER LA LIBERTA’

    Franca Persiani

  44. Liberare Gilad

    Liberate subito :

    – RON ARAD
    – ZACHARY BAUMEL
    – YEHUDA KATZ
    – ZVI’ FELDMANN
    – GUY HEVER
    – GILAD SHALIT
    – EHUD GOLDWASSER
    – ELDAD REGEV

    UN GIORNO VERRA’ IL GIUDIZIO DI DIO !

  45. Aggiungete le nostre firme
    Giancarlo Sanavio
    Simonetta sanavio
    Franceco Acella
    Carlo sanavio
    Sharon Sanavio
    Alessia Sanavio
    carla Russo
    Maria meneghello
    Guido poltronieri
    rossana prisco

  46. Tutto quello che posso fare
    Tutto quello che posso fare è pregare per il ritorno del giovane Gilad e degli altri soldati israeliani prigionieri delle due organizzazioni terroristiche.
    Posso anche partecipare al dolore, che immagino grandissimo,delle famiglie.
    Posso, infine, rispondendo all’appello, aggiungere la mia voce alle altre:”Liberate subito Gilad, Eldad ed Ehud!”.

  47. Liberate subito Gilad!
    Tutto quello che posso fare è pregare per il ritorno del giovane Gilad e degli altri soldati israeliani prigionieri delle due organizzazioni terroristiche.
    Posso anche partecipare al dolore, che immagino grandissimo,delle famiglie.
    Posso, infine, rispondendo all’appello, aggiungere la mia voce alle altre:”Liberate subito Gilad, Eldad ed Ehud!”.

  48. per Gilad Shalit…Ehud ed Eldad
    per Gilad…e per Ehud ed Eldad,

    che mai ho dimenticato e sempre mi sono cari, come se fossero figli miei.

    Sempre amo Israele; sempre i suoi figli.

    Giuseppe, il Fontana.

  49. gilad libero
    gilad libero, per testimoniare che israele ha diritto di esistere come stato, e gli ebrei come popolo libero e autonomo, nella terra che a loro appartiene per scelta dell’Eterno.

  50. liberate Shalit
    La possibilità di riavere Shalit vivo sembra legata ad un lumicino. Un lumicino piccolo piccolo che spero, nel profondo del mio cuore, non si spenga del tutto.
    Shalom

  51. firma pro Shalit
    C’è poco da commentare! Vorrei solo che giungesse, ai suoi genitori ed a quelli di tutti i ragazzi che si trovano in situazioni analoghe, la mia solidarietà e l’augurio di rivederli presto e sani.

  52. ANCH’IO
    Anch’io – Gilad, Eldad,Ehud. Piu’ appelli, per favore! Soprattutto da voi che siete in Parlamento.

  53. Gilad Libero
    Gilad libero e solidarietà ad Israele e al popolo ebraico per il suo diritto ad esistere come Stato e come Nazione. Non dimentichiamo Gilad

  54. Adesione
    Aderisco all’appello per la liberazione di Gilad Shalit. Non aggiungo altro, perché superfluo.

    La Libertà di Israele – e dei palestinesi perbene, in uno Stato Palestinese libero e pacifico – è la nostra Libertà.

  55. Aggiungo il mio nome alle
    Aggiungo il mio nome alle richieste di liberazione di Gilad e degli altri ragazzi nelle mani di Hamas e Hezbollah ed esprimo a loro e alle loro famiglie il mio affetto e la mia solidarietà.
    Auspico inoltre che, al più presto, nello Stato di Israele e nello Stato di Palestina possano regnare vera giustizia, sicurezza e pace.
    Tutto ciò deve essere un impegno di noi tutti.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here