Australia, nuovo trattato operativo con la Nato

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Australia, nuovo trattato operativo con la Nato

24 Settembre 2007

È prevista per questa mattina la firma, da parte dell’Australia,
di  un trattato di collaborazione
operativa con la Nato, per rafforzare i legami di sicurezza e di intelligence e
contribuire all’evoluzione dell’alleanza di democrazie in una forza globale.

Il come si legge sul quotidiano “The Australian”, il tratato
verrà firmato oggi a New York durante l’Assemblea generale dell’Onu, dal
ministro degli esteri australiano, Alexander Downer, e dal segretario generale
della Nato, Jaap de Hoop Scheffer.

L’Australia rappresenta ufficialmente un “Paese di contatto”
per l’alleanza. Ma questa espressione non risulta più sufficiente per
descrivere il ruolo australiano nella coalizione. Perciò si è reso necessario un
nuovo documento, che attesti come la funzione di questo Paese si sia
notevolmente intensificata da quando le truppe australiane dispiegate in
Afghanistan hanno iniziato ad operare sotto comando Nato, due anni fa.

Un portavoce del ministro Downer ha spiegato al quotidiano
che il trattato darà all’Australia accesso alle valutazioni di sicurezza della
Nato, incluse quelle sul terrorismo internazionale, e a questioni operative che
riguardano il personale militare australiano.

In ogni caso non è previsto l’ingresso a pieno titolo dell’Australia
all’interno dell’alleanza. La posizione geografica e i notevoli impegni di
questo Paese nella regione renderebbero infatti difficile assolvere agli
impegni che ne deriverebbero, ha aggiunto il portavoce.