Home News Bamboccioni. Brunetta propone: “500 euro ai giovani da pensioni anzianità”

Bamboccioni. Brunetta propone: “500 euro ai giovani da pensioni anzianità”

0
5

"Cinquecento euro al mese per i giovani, agendo sulle pensioni di anzianità, per aiutarli così ad uscire di casa". È quanto ha proposto il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, durante la puntata di "Domenica In" su Raiuno.

"La verità - ha detto Brunetta, tornando sul tema del fenomeno dei 'bamboccioni' - è che la coperta è piccola e quindi non ci sono risorse per tutti. Secondo me si deve agire sulle pensioni di anzianità, quelle che partono dai 55 anni di età. Facendo in questo modo si potrebbero trovare risorse che consentirebbero di dare ai giovani non 200 ma 500 euro al mese".

Brunetta ha riconosciuto che "una proposta del genere scatenerebbe le proteste dei sindacati, che sono quelli che difendono i genitori", ma per il ministro si deve andare nella direzione di dare "meno ai genitori e più ai figli". Brunetta ha poi spiegato che su questa proposta "è d'accordo anche il ministro Tremonti". "L'Italia - ha detto Brunetta - è piena di giovani per bene, che rischiano e che vogliono la libertà. La colpa, se hanno la libertà tarpata, è nostra, dei loro genitori", ha aggiunto.

In mattinata il ministro era tornato ad esprimersi sul tema dei "bamboccioni" anche ai microfoni di Rtl. Ricordando le polemiche scatenate la scorsa settimana dalla sua proposta di far uscire "per legge" i diciotteni da casa, Brunetta ha detto: "L'ho detto per scherzo, come paradosso, ma è successa un'ira di Dio perché evidentemente abbiamo toccato un nervo scoperto, che è quello del familismo da un lato e del bamboccionismo culturale prodotto dai nostri egoismi dall'altro".

Insomma, quella sulla "legge anti-bamboccioni" era solo "una lucida provocazione", mentre per Brunetta la vera colpa "non è dei giovani ma dell'egoismo e della miopia dei genitori, che sono iperprotetti dal Welfare e lasciano pochissimo spazio di lavoro e garanzie ai giovani, e in cambio se li tengono in casa". Per il ministro della Pubblica amministrazione, al di là delle polemiche, bisogna fare "un esame di coscienza, dare prospettive di libertà di scelta ai giovani e non di costrizione: non c'è lavoro, nelle università non ci sono campus e borse di studio, la preparazione delle università non è abbastanza buona. Infine - ha detto Brunetta - tra pensioni di anzianità e Welfare, tutta la stabilità va ai padri, mentre tutta la flessibilità rimane ai figli".

Immediata la reazione del portavoce della Federazione della Sinistra, Paolo Ferrero, che ha qualificato la proposta "delinquenziale". "Punta semplicemente e consapevolmente a scatenare una guerra tra i poveri dentro un folle conflitto tra generazioni. Le risorse per dare un vero salario sociale e non una elemosina ai giovani ci sono, basta prenderle dai ricchi: si tassino i grandi patrimoni, le rendite e i redditi più alti", ha concluso.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here