Home News Benigni va ad Onna ed è subito show contro il Cav.

L'uovo di giornata

Benigni va ad Onna ed è subito show contro il Cav.

12
2

Oramai Onna più che il paese terremotato del mondo sembra esser diventato la croisette di Cannes. Dopo la sfilata di attori holliwoodiani e stelle dello spettacolo d’oltralpe, mancava solo Roberto Benigni, a debita distanza di tempo, peraltro, a far visita al piccolo paese abruzzese martoriato dal sisma.

In tour tra le macerie, accompagnato dal capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, e dal capo di Gabinetto del ministero dei Beni Culturali, Salvo Nastasi, Benigni ha visitato i resti di quella che fu Onna, ma anche i cantieri delle nuove costruzioni e i primi prefabbricati già allestiti e la tendopoli in cui vivono ancora centinaia di senzatetto.  Ad accoglierlo con la moglie, Giustino Parisse, il vice caporedattore del Centro, che nel terremoto ha perso due figli e il padre. Con Parisse, Benigni ha fatto una breve sosta davanti all'albero della memorià, il possente acero sotto il quale sono stati depositati i corpi delle quaranta vittime di Onna. E poi l'imancabile show tra i terremotati della tendopoli, tra una citazione di Dante e una battuta sferzante.

Insomma, nulla da dire. Una scena già vista ma importante da rivedere, perché continua a tener accesi i riflettori e l’attenzione del paese su quanto ancora stanno vivendo le popolazione colpite dal sisma. Ma in un copione che sembrava essere sempre lo stesso Benigni ad un certo punto non ce l’ha fatta. E non si è lasciato sfuggire l’occasione di attaccare il Cav.

"Ieri è venuto Berlusconi, ma non mi hanno avvertito. Venivo anch’io, c’era un altro terremoto, si verificavano delle scosse veramente - ha cominciato il comico toscano - avremmo fatto Verdone, Berlusconi e Benigni: i tre più grandi comici italiani all’Aquila". E poi: "Controlleremo che le promesse vengano mantenute: se le cose non accadono, urlate e chiedete, non vi zittate mai". E ancora: "Sono qui, con Nastasi e Bertolaso, che ci proteggono dalle calamità. Ci devono proteggere anche dallo straripamento di Berlusconi. Bertolaso, proteggici! Berlusconi sta straripando, è in piena".

Ma - ci chiediamo - perché mai a noi nessuno ci protegge dagli straripamenti di Benigni?


 

  •  
  •  

12 COMMENTS

  1. Il fatto caro giornalista è
    Il fatto caro giornalista è che per proteggersi dagli “straripamenti” Benigni basta non seguirlo.
    Se è un capo di stato a straripare la cosa si complica!

  2. Il fatto caro giornalista è
    Il fatto caro giornalista è che per proteggersi dagli “straripamenti” Benigni basta non seguirlo.
    Se è un capo di stato a straripare la cosa si complica!

  3. perchè non vieni a napoli a
    perchè non vieni a napoli a vedere chi sta ancora nelle baracche dall’1981……
    finiscila di fare il paraculo comunista!!!!!!

  4. benigni
    benigni si dovrebbe vergognare, facile parlare e fare gli spiritosi. una volta tanto che qualcuno (“Berlusconi”) le cose le fa e le sa’ fare, stai almeno zitto
    Dice che controllera’ come procederanno i lavori, bravo, ma chi sei? Come mai non ti abbiamo mai visto controllare altre cose, tipo la missione arcobaleno, tipo i terremotati di Irpinia, tipo la commissione di bassolino per i rifiuti?
    E’ ANDATO A FARSI UN PO’ DI PUBBLICITA’ CON LA IPOCRISIA CHE CARRATTERIZZA I PENSATORI SINISTRI

  5. Benigni a Onna
    Lodevole che ci sia andato. Vergognoso che il suo strumentale “straripamento” colga una popolazione colpita senza pietà, e che lui stesso non si accorga che forse per la prima volta ci sia un governo che di fronte a tale calamità non si è mai arreso e che sta facendo i miracoli che può fare in tale situazione.
    Vergogna che per puro spirito di parte si osteggi una persona e un governo che, unico, sta facendo veramente qualcosa per i nostri sfortunati fratelli.

  6. Il fatto caro giornalista è
    Il fatto caro giornalista è che per proteggersi dagli “straripamenti” Benigni basta non seguirlo.
    Se è un capo di stato a straripare la cosa si complica!

  7. Ma fatemi capire…vorreste
    Ma fatemi capire…vorreste che Benigni, un comico e attore di fama internazionale, si tappi la bocca per sempre su un tema cosi’ invitante come l’ilarita’ e la comicita’ che sucita, in tutto il mondo, il nostro premier-cabarettista? Volete un regime di comicita’ a compartimenti stagni? Volete eliminare la satira?Per ora vi rendete abbastanza ridicoli…almeno voi continuate sullo stile del premier…ocmunque, sempre e comunque grande Benigni

  8. Ecco perché
    Perché la maggior parte degli Italiani è formata dai Volemosebene, per cui si chiude un occhio sui difetti di chi peraltro è bravissimo nel suo ramo. Ma soprattutto, Benigni ha degli spunti di genialità nella sua straordinaria verve comica: lasciamolo straripare dunque, perchè anche in quello – anche se a volte può irritare – mantiene un senso di autoironia che stempera le sue battute rendendole accettabili, magari alzando gli occhi al cielo. E’ questo che ce lo fa amare nonostante tutto, è la differenza fra un genio e l’imbecillità abissale di un Beppe Grillo qualsiasi.

  9. Io mi chiedo anche perché
    Io mi chiedo anche perché il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, e il capo di Gabinetto del ministero dei Beni Culturali, Salvo Nastasi, abbiano perso il loro tempo per riverire e un cialtrone come il guitto Benigni.

  10. Per Lettore….
    Caro amico il problema è che si utilizza una catastrofe per farsi pubblicità da quattro soldi.
    Se al posto di recitare Dante e far propaganda per una sinistra allo sfascio avesse aperto il portafogli allora avrebbe avuto un senso.
    Saluti

    p.s. cmq aveva ragione chi diceva di non seguirlo per risolvere il problema alla radice.

  11. Cari destri se non mi censurano vorrei dirvi
    Cari destri, non ce nulla da fare! Oltre le offese a chi non la pensa come voi non sapete fare e dire nulla. Benigni è andato a L’Aquila per farsi pubblicità, sfruttando la catastrofe? ma che l’avete scambiato con Silvio B., il comico più famoso e opportunista d’Europa?

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here