Bertinotti parla all’università e gli studenti guadagnano un credito

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Bertinotti parla all’università e gli studenti guadagnano un credito

21 Settembre 2007

L’ateneo pisano ha organizzato oggi una giornata di
approfondimento sul tema della flessibilità e della precarietà, cui è intervenuto anche il presidente della Camera,
Fausto Bertinotti. A tutti gli studenti che hanno partecipato all’incontro è
stato riconosciuto un credito formativo.

L’Università di Pisa ha quindi cercato di accrescere l’afflusso
degli studenti, alleggerendo il loro carico di studio, dal punto di vista della
mole di esami da sostenere. Ogni corso universitario riserva alcuni crediti
formativi da “spendere”  liberamente, a scelta
dello studente. Offrendo un cfu a tutti
coloro che avrebbero partecipato al convegno, “l’università di Pisa ha fatto
propaganda”, denunciano i giovani della lista universitaria Studenti per le
Libertà, opponendosi “con forza a questo
tipo di esposizione politica dell’ateneo pisano”.

Oltre al presidente della Camera, chiaro esponente della
Sinistra Radicale, di spicco è stato anche l’intervento del professor Mario
Toscano, direttore del dipartimento di scienze sociali dell’ateneo pisano. Toscano,
con il supporto di alcuni giovani ricercatori, ha illustrato alla platea i
risultati di un percorso di ricerca sul tema della precarietà, a cui ha
lavorato per due anni, all’interno del quadro di ricerca bandito dal MIUR.

La giornata di studio di oggi dovrebbe essere servita come
punto conclusivo di questo percorso di ricerca e approfondimento: i risultati
empirici e teorici sono infatti stati resi pubblici e discussi di fronte alla
platea di giovani studenti.

Nel pomeriggio, invece, si è tenuta una tavola rotonda
intitolata:  “Flessibilità, precarietà:
esperienze, idee e proposte” . Al dibattito hanno partecipato Fulvio Fammoni,
segretario confederale della CGIL, Agostino Fragai, assessore alle Riforme
istituzionali e al rapporto con gli enti locali della Regione Toscana, Anna
Romei, assessore alle Politiche del lavoro, formazione professionale e permanente
della Provincia di Pisa, Andrea Margheri, direttore di “Argomenti Umani”,
Gabriele De Angelis, docente a contratto dell’Università di Pisa, Cristina
Raso, una lavoratrice precaria del settore privato. A moderare è stato  Mario Aldo Toscano.