Bielorussia. Berlusconi a Minsk per incontro con presidente Lukashenko

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Bielorussia. Berlusconi a Minsk per incontro con presidente Lukashenko

30 Novembre 2009

Berlusconi ricambia oggi la visita del capo di Stato bielorusso, Aleksandr Lukashenko, a Roma della fine di aprile 2009. In programma compare la firma di tre accordi bilaterali: uno sui dossier economici, uno sulla cultura e un terzo sul settore veterinario.

L’ambasciatore italiano presso la Repubblica Bielorussa, Giorgio Prigioni, ha dichiarato che nel corso della visita, le autorità bielorusse si aspettano di firmare un memorandum di intenti con Finmeccanica, dopo l’arrivo a Minsk del Presidente ed Amministratore delegato del gruppo italiano Pier Francesco Guarguaglini, il 14 settembre 2009.

Per Berlusconi è il primo viaggio nell’ex repubblica sovietica, ed è il primo leader di un paese dell’Unione Europea – da 10 anni a questa parte – a fare una visita ufficiale nel Paese. Il Cav. sarà ricevuto al palazzo presidenziale dal presidente bielorusso prima in un colloquio a due e poi in formato allargato. I 2 si sposteranno poi nella residenza di Lukashenko per una cena che precederà il ritorno di Berlusconi in Italia.

Lukashenko ha visitato il nostro Paese alla fine di aprile, quando è stato anche ricevuto in Vaticano dal Papa Benedetto XVI, nonchè dallo stesso Berlusconi. Per quanto riguarda le relazioni diplomatiche tra l’Unione europea e la Bielorussia, l’ambasciatore Prigioni ha confermato che l’Italia sta giocando un ruolo chiave nel contribuire al disgelo dei rapporti. Dopo che tali relazioni si sono compromesse tanto da far negare il visto a Lukashenko nell’ottobre 2008.