Birmania. Ban Ki-moon e Aung San Suu Kyi: “Liberare i prigionieri politici”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Birmania. Ban Ki-moon e Aung San Suu Kyi: “Liberare i prigionieri politici”

18 Novembre 2010

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha parlato oggi al telefono con la dissidente birmana Aung San Suu Kyi. Lo ha reso noto un portavoce dell’Onu, precisando che il numero uno del Palazzo di vetro e la premio Nobel per la pace hanno invocato la liberazione dei prigionieri politici birmani.

Il Segretario Generale e Aung San Suu Kyi, liberata sabato scorso dopo sette anni consecutivi agli arresti domiciliari, "hanno entrambi sottolineato la necessità per le autorità birmane di liberare tutti i prigionieri politici" in maniera tale che il Paese possa "portare avanti i suoi programmi di riconciliazione nazionale e di transizione democratica", ha dichiarato il portavoce.

Ban Ki-moon avrebbe ribadito l’impegno delle Nazioni unite a "continuare a sostenere la causa dei diritti umani e tutti gli sforzi del governo, di Aung San Suu Kyi e degli altri attori volti a costruire un futuro di unità, di pace e di democrazia".