Birmania. Riprenderà il 26 giugno il processo al nobel Suu Kyi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Birmania. Riprenderà il 26 giugno il processo al nobel Suu Kyi

12 Giugno 2009

Il processo contro la leader dell’opposizione democratica birmana, Aung San Suu Kyi, riprenderà il 26 giugno, dopo che difesa ha ottenuto la possibilità di presentare un nuovo testimone. Lo ha riferito Nyan Win, uno degli avvocati della premio Nobel per la pace. Sarà chiamata a testimoniare Khin Moh Moh, esponente del Lega Nazionale per la Democrazia (Nld) guidata da Suu Kyi.

La Corte Suprema del Myanmar ha intanto nuovamente rinviato oggi la decisione sull’ammissione di altri due testimoni della difesa. Il processo si è aperto lo scorso 11 maggio nel carcere di Insein a Yangon e avrebbe dovuto concludersi il 5 giugno. Suu Kyi e le sue due governanti sono accusate di aver fatto entrare un cittadino americano nella casa dove la leader democratica trascorreva gli arresti domiciliari. Suu Kyi ha ribadito di non aver mai invitato l’uomo, John William Yettaw. L’opposizione considera il processo un tentativo della giunta militare del Myanamar di prolungare gli arresti domiciliari, che scadevano il 27 maggio, per tenere Suu Kyi lontana dalle elezioni dell’anno prossimo.