Cala il voto degli italiani all’estero: 41, 66%

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Cala il voto degli italiani all’estero: 41, 66%

11 Aprile 2008

L’affluenza degli italiani residenti
all’estero per le elezioni politiche 2008 è stata del 41,66%, in lieve
calo rispetto al 2006 quando fu del 42,07%.

Lo ha reso noto il
viceministro
degli Esteri, Franco Danieli, nel corso di una conferenza stampa. Le
operazioni di voto per i connazionali residenti all’estero sono
terminate ieri e, dopo una procedura piuttosto complessa di spedizione
delle schede, lo spoglio avverrà a partire dalle 15 di lunedì a
Castelnuovo di Porto, nella periferia di Roma.

Numeri Nella conferenza stampa alla Farnesina, cui ha
preso parte anche il direttore generale degli Italiani all’estero,
Adriano Benedetti, è stato
precisato che nel 2006 gli aventi diritto erano 2.707.988 e, su questa
cifra, aveva espresso il suo voto il 42,07%. Sul dato va infine
sottolineato che il numero effettivo dei plichi restituiti alle
rappresentanze diplomatiche all’estero con le schede votate è stato,
quest’anno,
1.204.720, rispetto all’1.135.617 delle consultazioni di due anni fa.
La percentuale dei plichi restituiti per mancata consegna sul totale
dei plichi inviati è stata del 7,18% (2006: 9,20%) al netto, la
percentuale dei votanti sui plichi effettivamente recapitati è stata
quindi del 44,88%, a fronte al 46,33% del 2006, come hanno riferito al
ministero degli Esteri facendo notare che i dati non sono ancora
definitivi, ma saranno soggetti probabilmente a lievissime correzioni
nelle
prossime ore.