Cambiano ancora le zone: restano gialle solo 4 regioni e Trento. In Emilia Bonaccini si aggrava

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Cambiano ancora le zone: restano gialle solo 4 regioni e Trento. In Emilia Bonaccini si aggrava

Cambiano ancora le zone: restano gialle solo 4 regioni e Trento. In Emilia Bonaccini si aggrava

13 Novembre 2020

L’Emilia-Romagna, insieme a Friuli e Marche, potrebbero diventare zona arancione unendosi ad Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia e Umbria. Campania e Toscana diventerebbero zona rossa insieme Calabria, Lombardia, Piemonte, Provincia di Bolzano e Val d’Aosta e a questo punto resterebbero gialle solo Lazio, Molise, Trento, Sardegna e Veneto. La lista deve essere confermata dal Cts, ma in base a quanto emerso dal monitoraggio della cabina di regia dell’Istituto superiore della sanità e del ministero della Salute l’indirizzo è ormai chiaro.

Intanto notizie negative arrivano dall’Emilia Romagna dove il presidente Bonaccini, da due settimane positivo al Covid, ha annunciato questa mattina un aggravamento delle sue condizioni. “Ho fatto il tampone di controllo, purtroppo ancora positivo. Vista la forte tosse persistente, poi, sono stato visitato e ho fatto ulteriori accertamenti. Mi hanno diagnosticato una polmonite bilaterale ad uno stadio iniziale. Al momento, i medici ritengono che possa essere adeguatamente curato da casa, senza dover essere ricoverato. E questo è almeno un sollievo”.

“Ho massima fiducia nella valutazione dei medici e mi affido alla loro capacità e alle loro cure. Continuerò dunque a lavorare da casa, rinunciando magari a qualche eccesso di stress che in questi mesi non mi ha certo aiutato. Ma non mi fermo” – afferma Bonaccini.