Campania: 3 morti e 1 pestaggio ieri

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Campania: 3 morti e 1 pestaggio ieri

12 Aprile 2008

Un giorno di ordinaria follia, ieri in Campania: tre morti e due giovani pestati (uno gravissimo) è il bilancio di un tragico venerdì.

In mattinata, ieri, in viale della Resistenza, nel quartiere Scampia, a nord di Napoli, sono morti una donna e suo figlio di dieci anni, investiti da una Fiat Punto guidata da un uomo di 39 anni, Ciro De Angelis, invalido civile e sofferente di apnea notturna: guidava una macchina non sua e senza patente, dovra rispondere di duplice omicidio colposo. Le forze dell’ordine lo hanno salvato appena in tempo dal linciaggio dei cittadini.

Nelle stesse ore, a Torre del Greco, vicino al capoluogo, uno studente di 17 anni è morto investito da un camion all’esterno del liceo che frequentava, lo scientifico ‘Nobel’ di via Alcide De Gasperi: dalle prime ricostruzioni sembra che il giovane sia intervenuto per sedare un diverbio tra coetanei generato da futili motivi fuori dall’istituto, forse uno spintone lo ha scaraventato in mezzo alla strada sotto il tir che passava.

Poco più tardi, nel primo pomeriggio, a Santa Maria della Carità, ancora vicino Napoli, un ragazzo di 24 anni, Antonio Della Mura, è stato avvicinato da due persone che gli hanno cosparso il corpo di benzina e poi dato fuoco: motivi passionali, ipotizzano le forze dell’ordine. Il giovane è ricoverato all’ospedale Cardarelli di Napoli in condizioni gravi con ustioni su oltre il 40% del corpo.

Infine, i carabinieri di San Giorgio del Sannio hanno reso noto che domenica scorsa nel paese in provincia di Benevento un ragazzo di 16 anni è stato accerchiato da tre suoi coetanei, tutti studenti, che gli hanno rotto il naso per “futili motivi”. Se la caverà in 30 giorni.

Sav