Caso Franceschi. Perizia del medico legale esclude lesioni da trauma

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Caso Franceschi. Perizia del medico legale esclude lesioni da trauma

21 Ottobre 2010

Daniele Franceschi non avrebbe subito lesioni traumatiche nel carcere di Grasse (Francia) dove è morto il 25 agosto scorso. Lo sostiene il professor Lorenzo Varetto, medico legale incaricato dalla famiglia di compiere una nuova autopsia.

Secondo quanto riferito dai legali, Aldo Lasagna e Maria Grazia Menozzi, "Varetto ha attestato la regolarità dell’autopsia svolta in Francia da un punto di vista formale e tecnico e ha escluso lesioni traumatiche, tuttavia rimangono dubbi sulle cause del decesso".

L’ esame è avvenuto oggi all’ospedale Versilia di Viareggio ed è durato tre ore e mezzo. Varetto, che in passato si è occupato di casi come i delitti di Cogne e di Garlasco, aspetterà alcuni giorni per redigere il verbale di autopsia e intende fare degli approfondimenti.

"Il medico legale – hanno aggiunto gli avvocati – non esclude anche di andare in Francia, se le autorità daranno l’autorizzazione, a visionare personalmente i campioni degli organi prelevati dal cadavere, tra cui cuore e cervello".