Caso Mills. Il processo va avanti nonostante la recusazione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Caso Mills. Il processo va avanti nonostante la recusazione

20 Giugno 2008

Il processo sul caso Berlusconi-Mills prosegue malgrado la richiesta di ricusazione del giudice Nicoletta Gandus fatta dai legali del premier. L’istanza di ricusazione sarà discussa dalla Corte d’Appello il 10 luglio. Lo ha deciso la X sezione penale del Tribunale di Milano.

Dopo più di due ore di camera di consiglio il giudice Gandus ha spiegato che ”la ricusazione non sospende il dibattimento” che vede imputato il premier con l’accusa di corruzione in atti giudiziari e hafissato la prossima udienza il 7 luglio.

Ghedini: ”La decisione dimostra la fondatezza della richiesta di ricusazione. Questo processo non si può fare a Milano”. Immediata la replica della difesa di Berlusconi. Per Nicolò Ghedini, avvocato del premier ”La decisione dimostra la fondatezza della richiesta di ricusazione. Questo processo non si può fare a Milano, non si può fare con questo collegio. Queste cose succedono solo quando si tratta del presidente Berlusconi”.