Castro torna a scrivere, ancora polemica con gli Usa

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Castro torna a scrivere, ancora polemica con gli Usa

29 Marzo 2007

A volte ritornano. E infatti Fidel Castro è tornato a scrivere dopo l’operazione all’intestino di otto mesi fa. La sua prima uscita riprende il solito vecchio cliqué della critica agli Stati Uniti, in particolare al Presidente Bush.
Il leader maximo,
nell’editoriale intitolato “Condanna a una morte prematura per fame e
sete per oltre 3 miliardi di persone nel mondo”, critica la Casa Bianca per la
sua “idea sinistra” di usare e produrre biocarburanti derivati dai
cereali.”L’idea sinistra – scrive Castro in un passaggio del suo editoriale – di convertire gli alimenti  in
combustibile è stata definitivamente fissata come linea economica
della politica estera degli Stati Uniti lo scorso 26 marzo. Si tratta di una tragedia perché
sappiamo con precisione, oggi, che con una tonnellata di mais non si
posssono produrre più di 413 litri di etanolo”.