Cina-Vaticano. Lettera del Papa accolta con favore

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Cina-Vaticano. Lettera del Papa accolta con favore

19 Luglio 2007

“La lettera del Papa è un richiamo all’unità basato sulla
verità e carità. Ci dà sostegno e luce”. Sono queste le parole con cui
sacerdoti della Cina continentale hanno commentato la “Lettera del Santo Padre
Benedetto XVI ai Vescovi, ai Presbiteri, alle Persone Consacrate e ai Fedeli
Laici della Chiesa Cattolica nella Repubblica Popolare Cinese”.

Alcuni sacerdoti cinesi hanno infatti dichiarato all’agenzia
Fides che “ nella Lettera si percepisce il grande amore e la passione per la
verità del Pontefice, che fin dalla sua elezione ha dimostrato di essere il
difensore della Verità. La Lettera, quasi una ‘mini Enciclica’, ci indica la
strada per il futuro. Per noi infatti ci vorranno lunghi anni per attuare le
indicazioni del Papa. Ma siamo fiduciosi, ci sentiamo ancora più vicini al Papa
perchè il Papa conosce la realtà cinese, comprende tutte le nostre difficoltà,
capisce la nostra buona volontà e il nostro sforzo”.

Intanto, un altro sacerdote cinese ha affermato: “Il Vaticano
e il Papa non sono più lontani come una volta. La Lettera ha ridotto la
distanza dal punto di vista geografico, mentale e spirituale. Quando i fedeli
ci chiedono di spiegare meglio la Lettera, sento una grande responsabilità.
Quindi prego ogni giorno il Signore di aiutarmi ad avere la competenza
necessaria, di essere all’altezza di interpretare e spiegare la Lettera del Papa.
Ma una chiave di lettura è chiarissima: l’unità. Non possiamo più sottrarci
all’impegno per l’unità che il Signore ci chiede, che il Papa ci chiede. Noi
dobbiamo metterlo in pratica e basta”.