Confindustria: Per il 2008 scende il Pil e sale l’inflazione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Confindustria: Per il 2008 scende il Pil e sale l’inflazione

Confindustria: Per il 2008 scende il Pil e sale l’inflazione

26 Giugno 2008

Crescita economica ferma per l’Italia nel 2008. E’ questa la previsione del Centro studi di Confindustria che stima "una sostanziale stagnazione" con la crescita del prodotto interno lordo che alla fine di quest’anno dovrebbe frenare allo 0,1%, in deciso rallentamento rispetto all’1,5% del 2007.

Il Pil dovrebbe poi riprendere a salire attestandosi allo 0,6% nel 2009.

Previsioni in salita per l’inflazione che, alla fine dell’anno, per Confindustria, dovrebbe registrare una crescita media del 3,4%, per poi scendere al 2,5% nel 2009. Dalle stime di Confindustria emerge che l’inflazione programmata prevista nel Dpef  per il 2008 all’1,7% e per gli anni successivi all’1,5% è "credibile e coerente".

Nel 2007 l’indice dei prezzi al consumo aveva segnato una crescita media annua dell’1,7%. A determinare una vera e propria stagnazione dei consumi è soprattutto il caro-energia che insieme ai rincari dei beni alimentari è la principale causa dell’erosione del potere d’acquisto che nel primo trimestre del 2008 ha registrato un calo del lo 0,1% delle percentuali di Pil dedicata alle spese dopo il -0,4% nell’ultimo 2007.

Per quanto riguarda l’occupazione, il Centro studi di Confindustria stima un rallentamento nel 2008 in linea con la stagnazione del Pil. Il ritmo di crescita dei posti di lavoro dovrebbe vedere un leggero aumento dello 0,1% nel 2008 e dello 0,4% nel 2009, dall’1% del 2007. Le retribuzioni, invece, dovrebbero avere un buon incremento quest’anno (3,5% dal 2,1% del 2007) grazie al rinnovo di numerosi contratti.