Conti pubblici. Per l’Istat rapporto deficit/Pil si attesta al 9,3%

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Conti pubblici. Per l’Istat rapporto deficit/Pil si attesta al 9,3%

02 Luglio 2009

Il rapporto tra deficit e Pil nel primo trimestre si è attestato al 9,3%. Lo riferisce l’Istat, ricordando che nel primo trimestre 2008 era stato del 5,7%.

L’Istat ricorda che il dato diffuso oggi sull’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche è conforme alle regole di contabilità europea (sec 95) ma "differisce dalla stima annuale calcolata ai fini della notifica dei parametri di Maastricht". La differenza tra i due metodi di calcolo riguarda il trattamento delle operazioni di swap.

Da ricordare anche che tradizionalmente il primo trimestre dell’anno è quello in cui si registra il rapporto più alto tra deficit e pil, che poi nel corso dell’anno viene corretto con le decisioni di politica economica. In valore assoluto l’indebitamento netto registrato nel primo trimestre è pari a 34,082 miliardi di euro.