Coppia trovata morta in una baita, si segue l’ipotesi omicidio-suicidio

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Coppia trovata morta in una baita, si segue l’ipotesi omicidio-suicidio

28 Luglio 2009

Due coniugi di Portogruaro (Venezia) sono stati trovati morti nel corso della notte in una baita di montagna nei pressi di Ovaro, piccolo comune della Carnia, in provincia di Udine.

La scopertà è stata fatta dalla sorella della donna che, preoccupata dalla mancanza di notizie, ha raggiunto la baita, dove ha scoperto i due cadaveri. Secondo la prima ipotesi della Polizia di Udine, durante un litigio l’uomo avrebbe ucciso la moglie a colpi di coltello e si è poi impiccato.

Le vittime sono Giorgio Dorigo, di 48 anni, e Maragrazia Fagotto, di 50, entrambi di Portogruaro. Secondo i primi accertamenti della Polizia di Udine, l’omicidio-suicidio potrebbe essere avvenuto nel corso della mattinata di ieri, durante un violento litigio all’interno della baita dove la coppia si trovava.

La sorella della donna ha scoperto i corpi poco prima dell’una della scorsa notte, quando è giunta nella baita preoccupata per non essere riuscita a contattare la congiunta per tutto il giorno. Mariagrazia Fagotto – si è saputo – presenta ferite di coltello in varie parti del corpo; il marito è stato trovato impiccato nella stessa abitazione. Fra le ipotesi all’esame della Polizia di Udine, vi è anche quella secondo la quale l’uomo soffriva di una forma di depressione.