Home News “Covid, gli italiani vittime di una regressione psicologica collettiva”

L'intervento

“Covid, gli italiani vittime di una regressione psicologica collettiva”

0
395

«In nome della paura stiamo accettando vincoli e modi di comportamento che inibiscono la nostra vitalità e la ricerca di obiettivi comuni. Assistiamo così a un rannicchiarsi degli italiani entro se stessi, nel proprio egoismo, da cui derivano processi, se non di degrado, almeno di regressione psicologica collettiva». A dirlo in una lunga intervista pubblicata oggi dal quotidiano Libero è Giuseppe De Rita, presidente del Censis.

«Quando parliamo di internamento, pensiamo a un carcere, un manicomio, un convento di clausura. In tutti questi casi il meccanismo interno è l’infantilizzazione. Cioè si trattano le persone come bambini, dicendo loro: questa cosa non la puoi fare, questa cosa non la puoi mettere, ti devi lavare bene. Ovviamente non viviamo in senso stretto in internamento, però molte assonanze ci sono: l’obbligo di rispettare regole di minimale comportamento igienico, l’uso della mascherina come divisa da internato, e l’idea che non si possa uscire neanche per andare al bar sono diventati fatti normali. E questo è molto pericoloso. Dal letargo, cioè dallo stato di indolenza, sarà più facile uscire, dall’internamento no – continua De Rita -. Ho l’impressione che la fase che stiamo vivendo, producendo molta solitudine, possa ridurre la creatività, la capacità dell’arte di fare cultura condivisa. Non solo: dal rintanamento in sé nasce l’egoismo e da lì scatta la cattiveria». E del resto il presidente Censis non immagina un futuro di risorgimento, almeno nell’immediato: «Credo che prevarrà la propensione all’accettazione e non alla rivolta. La “bontà” del potere ci garantirà sempre la cassa integrazione, un ecobonus, un incentivo per fare smart working. E così, anziché contestare, accetteremo passivamente il declino».

E da De Rita arriva anche una critica al Governo e in particolare al “grillismo”. «Già in passato ai politici mancava la competenza tecnica, ma essa era delegata all’establishment, ai grandi funzionari dello Stato. La sfida degli ultimi anni è stata invece ammazzare la Casta: ma se tu abbatti l’establishment, vengono meno anche quelli che hanno la capacità tecnica di governo. In questa battaglia abbiamo perso tutti, mentre è chiaro chi ci abbia guadagnato politicamente, il grillismo. L’attuale realtà non solo offende la Prima Repubblica, ma prescinde da essa. La Prima Repubblica è stata una grande cosa, segnata dallo scontro durissimo tra Dc e Pci. Il trasformismo cui stiamo assistendo è invece un processo vecchio ma di livello molto più basso. Sono più opachi i meccanismi di acquisizione dei parlamentari, spesso basati su pettegolezzi privati, che servono solo a coprire la mediocrità dei protagonisti».

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here