Crisi. Berlusconi: “Siamo riusciti a non aumentare le imposte”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Crisi. Berlusconi: “Siamo riusciti a non aumentare le imposte”

22 Gennaio 2010

Nonostante la crisi economica "l’Italia c’è e va avanti": lo ha detto il premier, Silvio Berlusconi, all’atto della firma di un’intesa sulle infrastrutture con la Regione Toscana. "Abbiamo saputo utilizzare le risorse disponibili anche con l’intervento dei privati", ha aggiunto Berlusconi. Il Cavaliere esprime la propria «soddisfazione» perché, nonostante a crisi economica "siamo riusciti a non aumentare nessuna imposta e a non mettere le mani nelle tasche degli italiani". Il premier ha ricordato che tutto questo è avvenuto «pur in presenza di emergenze straordinarie (Abruzzo, Campania, Viareggio).

Anche nel settore delle infrastrutture "nonostante la crisi, l’Italia c’è e va avanti e ha saputo utilizzare al meglio le risorse disponibili anche con l’intervento dei privati". Berlusconi ribadisce che, "nonostante la crisi, manteniamo gli impegni, continua il piano di infrastrutturazione del Paese" senza rallentamenti e "si è riusciti a non aumentare nessuna imposta, nessuna tassa, senza mettere le mani nelle tasche degli italiani e pur dovendo rispondere a emergenze straordinarie come l’Abruzzo, Viareggio, la Toscana e la Campania". Nello stesso tempo, sottolinea il presidente del Consiglio, con le risorse della cassa integrazione, si è garantita "la vicinanza dello Stato agli italiani che hanno perso il posto di lavoro".