Crisi. Sacconi: “Allungamento della cigo è misura non necessaria”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Crisi. Sacconi: “Allungamento della cigo è misura non necessaria”

27 Aprile 2010

"L’ evidenza dei fatti e delle regole della contabilità pubblica, come abbiamo spiegato più e più volte, avrebbe dovuto convincere anche l’ opposizione che l’allungamento della cigo (cassa integrazione ordinaria) è una misura paradossalmente tanto onerosa quanto non necessaria": lo afferma il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, riferendosi alle polemiche con l’opposizione oggi alla Camera.

"Non c’ è infatti un lavoratore in Italia – prosegue Sacconi – che, grazie all’ allungamento della cassa integrazione ordinaria, troverebbe una protezione del reddito altrimenti negata. Trascorsi infatti 12 mesi, senza soluzione di continuità possono aggiungersi altri 12 mesi di cassa integrazione straordinaria in tutto e per tutto uguale a quella ordinaria, come già accade a numerosi lavoratori di aziende come Tecnovese, Lanificio Moessmer, Class 99, Alstom Ferroviaria, Acciaierie Di Badia. Senza contare l’ ulteriore periodo usufruibile come cassa in deroga".