Crisi. Strauss-Kahn: “Motore della crescita mondiale sta ripartendo”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600


Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Crisi. Strauss-Kahn: “Motore della crescita mondiale sta ripartendo”

23 Settembre 2009

L’economia mondiale "vede la fine del tunnel" della crisi anche se le difficoltà "non sono per nulla finite", le condizioni finanziarie "sono migliorate" e il motore della crescita mondiale "sta ripartendo". Lo ha detto il direttore generale dell’Fmi, Dminique Strauss-Kahn, in un discorso a New York, aggiungendo che l’Fmi "prevede ora una ripresa globale nella prima parte del 2010".

Tuttavia, "la stabilità economica e la pace sono da sempre strettamente collegate" e, soprattutto nei Paesi più poveri, la crisi potrebbe portare a "disordini sociali, instabilità politica o al collasso della democrazia e, infine, alla guerra".

In un’intervista all’agenzia Bloomberg, alla vigilia del G20 in programma a Pittsburgh domani e dopodomani, il direttore generale dell’Fmi preferisce rimanere cauto sulla fine della crisi: "E’ troppo presto per dire che è dietro di noi". "Questa ripresa – ha proseguito Strauss-Kahn rilevando che i governi del G20 devono mantenere gli sforzi per uscire dalla crisi – sarà piuttosto fiacca, a una media inferiore rispetto alla crescita che avevamo prima della crisi".

Secondo Strauss-Kahn, inoltre, i colloqui del G20 sono un’occasione "per stabilire il modo per governare insieme la globalizzazione, e può funzionare". Quanto ai singoli Paesi, a giudizio del numero uno del Fmi gli Usa possono fare la loro parte potenziando il risparmio e riducendo il deficit, mentre la Cina può contribuire promuovendo la domanda interna che avrebbe l’effetto di rivalutare lo Yuan: "I cinesi – ha sottolineato – sanno che stanno diventando un grande giocatore e così vogliono essere considerati: se, quindi, vengono considerati un grande giocatore devono comportarsi di conseguenza".