Croazia. Al via le consultazioni per la nomina del nuovo premier

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Croazia. Al via le consultazioni per la nomina del nuovo premier

03 Luglio 2009

Il presidente croato Stipe Mesic ha iniziato stamattina le consultazioni con i leader dei partiti, al termine delle quali, probabilmente già stasera, designerà un nuovo primo ministro, dopo le dimissioni del conservatore Ivo Sanader, annunciate a sorpresa il primo luglio scorso. L’incarico sarà quasi certamente affidato alla attuale vice-premier Jadranka Kosor, indicata dallo stesso Sanader.

Alla domanda se pensa che il governo di Kosor riuscirà a restare in carica fino alla naturale scadenza della legislatura, alla fine del 2011, Mesic, riecheggiando il giudizio quasi unanime della stampa, ha risposto: "Sarà molto difficile". L’opinione pubblica e la stampa continuano a speculare sulle ragioni della inaspettata e scioccante decisione di Sanader, che ha lasciato nel vago le motivazioni delle sue dimissioni, limitandosi a dire che "E’ tempo per nuovi inizi".

Due sono le ipotesi più diffuse. Secondo la prima, Sanader sarebbe stato spinto a ritirarsi da una corrente del suo partito, la cosiddetta "destra" della Comunità democratica croata (Hdz, conservatori), insoddisfatta della sua politica troppo europeista. La seconda ipotesi, che non esclude la prima, è che "le spettacolari dimissioni sono un messaggio alla politica fallimentare dell’Unione europea", che non è riuscita a sbloccare i negoziati di adesione della Croazia.