Darfur: Scarsità di mezzi, missione Onu a rischio

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Darfur: Scarsità di mezzi, missione Onu a rischio

15 Novembre 2007

La missione di pace delle Nazioni Unite in Darfur potrebbe non essere efficace a causa di continui malintesi tra l’amministrazione sudanese e gli altri paesi coinvolti, lo ha reso noto un funzionario dell’Onu durante un briefing con il Consiglio di Sicurezza.

L’esercito di pace dell’Onu in Darfur non ha a disposizione tutte le armi e i mezzi che gli servono, da una parte a causa degli ostracismi dell’attuale governo di Khartoum, dall’altra per i ritardi delle consegne da parte dei paesi europei coinvolti nella vicenda, comunque, Jean-Marie Guehenno Sottosegretario Generale per le operazioni di Peacekeeping alle Nazioni Unite, è stato piuttosto chiaro: “Se questi problemi non saranno risolti in breve tempo, significa che la missione del 2008 non sarà in grado di assolvere i compiti che il mondo vuole vedere risolti e che il tutto potrebbe diventare un fallimento”.

I 26.00 caschi blu di stanza in Darfur necessitano di 18 elicotteri da trasporto ed altri sei leggeri, mezzi ritenuti d’importanza cruciale per trasferire truppe e materiali in giro per il paese con celerità.

Il conflitto in Darfur, iniziato nel 2003, ha già causato circa 200.000 vittime mentre il processo di pace non è ancora sulla giusta via.