Home News Del Turco. Dopo le dimissioni si sospende dal Pd

Del Turco. Dopo le dimissioni si sospende dal Pd

0
30

Ottaviano Del Turco si è auto-sospeso dal Pd. Dopo le dimissioni dalla carica di presidente della Regione Abruzzo, Del Turco ha scritto una lettera a Walter Veltroni, inviata al segretario regionale del partito Luciano D'Alfonso, nella quale comunica la propria decisione. E' lo stesso D'Alfonso, interpellato telefonicamente, a dare notizia della lettera. 

E' di poche ore fa la notizia delle dimissioni di Del Turco dalla carica di presidente della Regione Abruzzo.

La lettera di dimissioni è stata consegnata dall'avvocato di Del Turco al presidente del Consiglio regionale dell'Abruzzo, Marino Roselli al termine dell'interrogatorio a cui il governatore è stato sottoposto questa mattina nel carcere di Sulmona. ''Il presidente ha reso dichiarazioni per le quali ho chiesto la revoca della misura cautelare'' ha detto l'avvocato di Del Turco, Giuliano Milia.

Finito l'isolamento, è Sergio Romice, direttore del carcere di Sulmona, a dareinformazione sul futuro dell'ex governatore d'Abuzzo: "Decideremo oggi pomeriggio dove collocare il Presidente della Regione. Dovrebbe andare nella sezione dei detenuti comuni, però è una decisione che valuteremo dopo aver ascoltato il gruppo di accoglienza composto dallo psicologo e dall’educatore. Quando i detenuti sono accompagnati dalle forze dell’ordine - ha spiegato - possono entrare direttamente nel carcere, solo chi l’accompagna deve farsi riconoscere una volta all’interno e depositare le armi prima di entrare nel carcere. Per quanto riguarda i parlamentari lo prevede la legge che possano ispezionare in qualsiasi momento la struttura carceraria per verificare le condizioni dei detenuti a maggior ragione la zona di isolamento".

Non hanno rilasciato alcuna dichiarazione invece i pm che subito dopo l’interrogatorio sono partiti per Lanciano (Chieti), dove è in programma, alle 14, il terzo e ultimo interrogatorio odierno all'assessore regionale alle Attività Produttive, Antonio Boschetti

 

 

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here