Di Pietro a Napolitano: “Il silenzio è mafioso”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Di Pietro a Napolitano: “Il silenzio è mafioso”

28 Gennaio 2009

Fino a poco fa, in piazza Farnese a Roma, sventola uno striscione con su scritto "Napolitano dorme, l’Italia insorge". Ma è il suo sequestro a scatenare la polemica del leader dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro, nel corso della manifestazione sulla giustizia.

Di Pietro si rivolge al capo dello Stato, dicendo: "Vogliono farci ancora una volta lo scherzetto di piazza Navona. Ma in una civile piazza c’è il diritto a manifestare. Presidente Napolitano, possiamo permetterci di accogliere in questa piazza chi non è d’accordo con alcuni suoi silenzi?"

"A Lei – prosegue – che dovrebbe essere arbitro, possiamo dire che a volte il suo giudizio ci appare poco da arbitro e poco da terzo?"

Il leader di Idv Antonio Di Pietro precisa che la critica viene fatta "rispettosamente", ma poi aggiunge: "Il silenzio uccide, il silenzio è un comportamento mafioso".