Di Pietro (Idv): “Al governo serve un rimpasto”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Di Pietro (Idv): “Al governo serve un rimpasto”

24 Settembre 2007

Antonio Di Pietro, ministro per le Infrastrutture e leader
dell’Italia dei valori, oggi a Torino, rispondendo ai giornalisti, ha parlato della
necessità “di un rimpasto organizzativo” nel governo.

Alla domanda di un cronista in merito le sollecitate
dimissioni del vice ministro Visco, Di Pietro ha risposto: “Credo che dopo un
anno di esperienza al Governo sia necessario un rimpasto organizzativo”. Di
Pietro ha sottolineato però che: “Non in danno di questo o quel ministro, ma
nel senso che si riduca il numero dei Ministeri, che dimezzi il numero dei
sottosegretari e che accorpi quelle funzioni necessarie per dare funzionalità
al sistema”.

Il leader dell’Italia dei valori ha ribadito inoltre che: “Il
Ministero delle Infrastrutture e quello dei Trasporti svolgono per il 70% compiti
doppioni”. E commentando gli svariati momenti di crisi che il governo ha dovuto
affrontare ha detto: “Gli italiani hanno prima con le primarie e poi alle
votazioni indicato chiaramente come presidente del Consiglio, Romano Prodi. Se
gli italiani non vogliono più questa realtà, bisogna ritornare al voto. E
siccome gli italiani in questa fase sono rappresentati dal Parlamento, vuol
dire che una crisi politica, una crisi parlamentare non può che comportare
votazioni anticipate”.