Di Pietro: “Stop dialogo con chi rivuole leggi ad personam”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Di Pietro: “Stop dialogo con chi rivuole leggi ad personam”

16 Giugno 2008

Antonio Di Pietro sollecita lo stop di ogni dialogo fra maggioranza e opposizione a seguito degli ultimi provvedimenti del governo Berlusconi. "Italia dei Valori ha imparato, sin da subito, a conoscere Berlusconi. E porterà avanti, come sta facendo anche in questi giorni, un’opposizione dura e senza sconti dentro e fuori il Parlamento. Ci fa piacere che il Pd e il suo segretario Veltroni, oggi riscontrino la protervia del governo. Adesso ogni dialogo va bloccato, non si lavora con chi tutela solo i propri interessi e non opera per il bene del Paese".

"Come volevasi dimostrare- argomenta Di Pietro – Berlusconi ci riprova con le sue leggi ad personam. Evidentemente non aveva ancora finito di sistemare i suoi affari personali, infatti, è dall’inizio della legislatura che continua a proporre norme volte a tutelare i suoi interessi privati: dal patteggiamento allargato alle intercettazioni fino alla sospensione dei processi che lo riguardano".