Dubai. Sventato attentato che doveva colpire la Torre

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Dubai. Sventato attentato che doveva colpire la Torre

15 Settembre 2009

I servizi segreti degli Emirati arabi uniti sono riusciti a sventare 2 mesi fa un grave attentato che doveva colpire la Torre di Dubai (Burj Dubai). Lo sostiene il quotidiano israeliano Maariv secondo cui i sospetti principali si addensano in questa fase sui Guardiani della rivoluzione dell’Iran.

Altre piste sono pure indagate, secondo il giornale: ad esempio quella di al Qaida o dei gruppi estremisti wahabiti dell’Arabia Saudita. Maariv precisa che la vicenda è iniziata a metà luglio quando i servizi segreti dell’Eau hanno scoperto un traffico di armi e di esplosivi condotto utilizzando piccoli aerei provenienti dall’Iran. Nel principato di Ras al-Hima sono state arrestate 8 persone: 3 sono cittadini dell’Eau, mentre gli altri sono palestinesi e siriani.

Il loro obiettivo, secondo Maariv, era di far esplodere a Dubai il grattacielo da 160 piani prima della sua inaugurazione prevista per la fine del 2009. I servizi segreti locali hanno rintracciato ingenti quantità di esplosivo, corpetti per kamikaze e un gran numero di fucili automatici. Ma hanno preferito mantenere il massimo riserbo, spiega Maariv, anche per non esacerbare le già tese relazioni con l’Iran.