Egitto. Il 15 gennaio processo contro le presunte spie di Israele

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Egitto. Il 15 gennaio processo contro le presunte spie di Israele

27 Dicembre 2010

La Corte d’Appello del Cairo ha fissato per il 15 di gennaio l’inizio del processo a carico di Tareq Abd al-Razzaq, l’egiziano accusato di spionaggio per conto del Mossad, i servizi segreti israeliani. Lo riferisce il quotidiano egiziano Al-Masri al-Youm, secondo cui tra gli imputati al processo vi sono anche due cittadini dello Stato ebraico, entrambi "latitanti", tra i quali un ufficiale del Mossad stesso.

Fonti della sicurezza egiziana hanno riferito alla testata che le autorità locali stanno svolgendo indagini ad ampio raggio per raccogliere informazioni e prove sulle dichiarazioni rilasciate da Abd al-Razzaq durante gli interrogatori, che farebbero riferimento alla presenza di spie o agenti del Mossad in Egitto.

La fonte non ha voluto precisare se la confessione dell’imputato abbia aiutato gli inquirenti a individuare altre persone coinvolte nel caso, ma si è limitata ad affermare che "quando arriveremo a qualcosa, lo annunceremo a tutti". Tareq Abd al-Razzaq, titolare di una ditta di import-export, è stato arrestato ad agosto mentre si recava in Cina. L’accusa è di spionaggio a favore del Mossad.