Eluana. La curatrice: “Speravo che ce la mettesse tutta”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Eluana. La curatrice: “Speravo che ce la mettesse tutta”

09 Febbraio 2009

"Speravo che Eluana ce la mettesse tutta, me lo auguravo e così è stato".  Sono le prime parlole di Franca Alessio, la curatrice speciale di Eluana. "Speravo che l’iter del protocollo", messo in atto alla clinica "La Quieta" di Udine, "fosse più breve possibile, e la sua morte sopraggiungesse al più presto" . Da Udine Alessio non aveva avuto notizie sul decesso di Eluana, scopre della sua morte al telefono, raggiunta dalle telefonate dei giornalisti. Ne è comunque "sollevata, non c’è dubbio".

"Ora spero solo – spiega – che il ddl venga fermato, e si concluda qui il suo iter legislativo. Del resto il Parlamento aveva avuto tanto tempo per agire e non aveva fatto nulla. Ora, con la morte di Eluana, la sentenza della magistratura ha avuto finalmente la sua attuazione".

Quanto alla possibilità che il provvedimento in discussione al Senato giunga comunque ad approvazione, Alessio non nutre dubbi: "Spero che ciò non avvenga perchè era indecente. Se venisse approvato sarebbe uno schiaffo alla memoria di Eluana"