Etiopia: elezioni, opposizione boicotta primo turno

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Etiopia: elezioni, opposizione boicotta primo turno

14 Aprile 2008

Gli etiopi hanno votato ieri per il
primo turno delle elezioni generali, boicottate dalla coalizione
di opposizione e giudicate irregolari da organizzazioni
internazionali di difesa dei diritti dell’uomo.

La coalizione al potere dovrebbe vincere senza sorprese, avendo
l’opposizione ritirato quattordicimila candidati alle cariche di
deputati e consiglieri comunali, per protestare contro manovre di
intimidazione nei loro confronti.

Il secondo turno è previsto per il 20 aprile. L’ufficio
elettorale non ha avuto segnalazioni di alcun incidente nè
irregolarità prima della chiusura dei seggi elettorali ieri sera.
Lo ha dichiarato uno dei responsabili dell’ufficio, Tesfaye
Mengesha.

L’ufficio elettorale non conosce il tasso di partecipazione
ufficiale, ma Tesfaye Mengesha l’ha stimato in circa il 90 per
cento dei 26 milioni di elettori etiopici. Il paese conta 80
milioni di abitanti.

L’organizzazione non governativa americana Human Rights Watch ha
invece riferito che candidati dell’opposizione ed elettori sono
stati minacciati, attaccati e arrestati durante la campagna
elettorale e che ci sono quindi poche probabilità che le elezioni
siano eque.

Il principale partito d’opposizione, Forze democratiche unite
d’Etiopia, ha detto da parte sua che ha boicottato le elezioni
perchè 14mila dei suoi candidati erano stati costretti a
rinunciare dopo aver ricevuto minacce o essere stati impediti a
iscriversi.