Facebook chiede giustizia contro gli stupratori di Guidonia

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Facebook chiede giustizia contro gli stupratori di Guidonia

28 Gennaio 2009

Non sono passate neanche 24 ore dall’arresto dei 4 autori dello stupro di gruppo avvenuto a Guidonia, alle porte di Roma, che su Facebook sono già nati i primi gruppi che chiedono giustizia ed esprimono la loro solidarietà alle vittime.

Basta scrivere "Guidonia" sul motore di ricerca interno e appaiono almeno quattro gruppi relazionati con la vicenda. C’è "Stupro a Guidonia: svegliamoci!" che, a lettere maiuscole, ha già raccolto quasi 5 mila sostenitori. Non sono molto di meno gli iscritti al gruppo "A morte i rumeni che hanno violentato la ragazza di Guidonia".

Ma ci sono anche "Solidarietà alla ragazza stuprata a Guidonia il 23 gennaio" e "Tutti presenti il giorno del processo ai bastardi violentatori di Guidonia". 

Tutti gruppi che stanno raccogliendo gli sfoghi di tanti giovani che, di violenza, non ne vogliono più sentir parlare. C’è chi chiede tolleranza zero, o chi si spinge troppo in là, si offre volontario a fare giustizia da solo (o lascerebbe gli autori in mano ai genitori delle vittime) o chi vorrebbe cacciare tutti i romeni "buoni o cattivi che siano".

Ma la maggior parte delle voci chiede giustizia, rispetto per gli immigrati che lavorano, che si sono integrati e che rispettano le leggi di un paese che li ospita ma rispetto anche per la legalità e per il rispetto verso gli stranieri. "Non dimentichiamoci che è anche grazie a loro che alcuni settori lavorativi oggi riescono ad avere manodopera", sottolinea Tullio.

Rosanna poi descrive il suo sdegno in poche, ma chiare, linee: "Tante parole, tanti pensieri….noi restiamo indignati di fronte a quel che succede e poi….ci sono i giudici a completare il quadro… E’ vergognoso".  E chiude il suo breve intervento con un "che Dio ci perdoni, per questi animali non c’è da sprecare tempo e danaro".

Poi viene un dubbio. E come avrà reagito il mondo degli internauti alla violenza subita da una giovane nella notte di Capodanno, nella macro-festa "Amore 09" alla Nuova Fiera di Roma, in zona Eur? Seppur rappresentato da due soli gruppi ("Solidarietà alla ragazza stuprata ad Amore 09" e "Stupro di Capodanno (Amore 09)… Domiciliari, che schifo!") i sostenitori non sono per niente pochi. Ma una cosa in comune c’è, un unico messaggio si ripete nelle bacheche dei gruppi: ora basta, chiediamo giustizia!