Fecondazione, Tribunale di Cagliari autorizza diagnosi preimpianto

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fecondazione, Tribunale di Cagliari autorizza diagnosi preimpianto

24 Settembre 2007

Il Tribunale di Cagliari , con una sentenza depositata questa mattina, ha riconosciuto la diagnosi preimpianto sugli embrioni fecondati in vitro sulla base di una interpretazione costituzionalmente orientata della legge 40. Lo ha affermato l’avvocato Luigi Concas in un’intervista a Radio Radicale

La vicenda parte dal ricorso di una donna sarda che due anni fa aveva
chiesto di poter eseguire la diagnosi preimpianto prima di procedere
con le tecniche di fecondazione in vitro perche’ portatrice della
talassemia.

“Questa sentenza supera il problema della legittimità costituzionale”, ha spiegato l’avvocato. “Ora l’ospedale e il medico incaricato controlleranno lo stato dell’embrione, verificheranno se può avere la talassemia, e nell’ipotesi che l’embrione fosse in buone condizioni procederà all’impianto e alla gravidanza”, ha concluso Concas.