Ferrovie. Trenitalia lancia piano d’investimento da 2 mld di euro

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ferrovie. Trenitalia lancia piano d’investimento da 2 mld di euro

07 Settembre 2009

Trenitalia lancia un piano d’investimenti in materiale rotabile da oltre 2 miliardi di euro per l’ammodernamento ed il potenziamento del trasporto regionale. L’obiettivo è quello di migliorare il servizio offerto a centinaia di migliaia di pendolari che viaggiano quotidianamente sulle ferrovie regionali. Il piano è sostenuto per oltre 1 miliardo e mezzo in autofinanziamento e per il restante con risorse stanziate dal governo.

Un pacchetto di investimenti che consentirà di acquistare 840 tra locomotori, carrozze e convogli e ristrutturare ed ammodernare oltre 2500 carrozze. Il rafforzamento del servizio di trasporto pendolari passerà attraverso la stipula di nuovi contratti di servizio con le singole regioni, della durata di 6anni e rinnovabili per altri 6.

A presentare questi piano investimenti sono stati il presidente e l’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato Innocenzo Cipolletta e Mauro Moretti assieme al ministro dei Trasporti Altero Matteoli. "Stiamo facendo un’operazione di rinnovo del materiale rotabile, quindi treni nuovi che permetteranno di essere manutenuti in maniera più semplice, puliti più facilmente –  spiega Moretti – Si tratta di una svolta, perchè dopo tre anni di risanamento delle ferrovie passiamo alla fase degli investimenti. Questo avviene con il contributo delle regioni e grazie anche al grande apporto del governo, ora ci sono a disposizione 480 milioni per il conto economico e 500 per gli investimenti".

Per l’ad di Fs con questo piano investimenti per il trasporto regionale si apre "una fase nuova, con un’impresa risanata che cerca di dare un servizio nuovo soprattutto nelle grandi città per i pendolari". Il ministro Matteoli invece ha commentato l’operazione sostenendo che "con le regioni abbiamo potuto stabilire un percorso che porterà sicuramente a migliorare i treni regionali, ce n’era bisogno. Le Fs hanno preparato un piano, il ministero ha collaborato e oggi si mette il sigillo a tutto questo".