Fiat. Utile netto primi 9 mesi di 282 milioni di euro

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fiat. Utile netto primi 9 mesi di 282 milioni di euro

21 Ottobre 2010

"L’utile netto del Gruppo Fiat nei primi nove mesi del 2010 è stato di 282 milioni di euro rispetto alla perdita di 565 milioni di euro dello stesso periodo del 2009. L’indebitamento netto industriale si è ridotto di 0,4 miliardi di euro rispetto all’inizio dell’esercizio grazie alla positiva performance operativa di tutti i business". È quanto si legge nella nota del Gruppo Fiat.

"Nei primi nove mesi del 2010 i ricavi del Gruppo Fiat sono stati pari a 41,2 miliardi di euro, in aumento del 13% (+7,7% a cambi costanti) rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. L’utile della gestione ordinaria del Gruppo è stato di 1.589 milioni di euro (margine sui ricavi del 3,9%), in aumento rispetto ai 570 milioni di euro dei primi nove mesi del 2009 (margine dell’1,6%). Il miglioramento è stato principalmente determinato dai maggiori volumi e dalla costante attenzione al contenimento dei costi e alle efficienze industriali", continua la nota.

"I primi nove mesi del 2010 hanno registrato un utile operativo di 1.566 milioni di euro rispetto ai 296 milioni di euro del 2009, grazie alla crescita significativa del risultato della gestione ordinaria (+1.019 milioni di euro) e a minori oneri atipici netti per 251 milioni di euro. Nei primi nove mesi del 2010 gli oneri finanziari netti sono stati pari a 732 milioni di euro (535 milioni di euro nel periodo gennaio-settembre del 2009) e includono l’effetto positivo di 26 milioni di euro (87 milioni di euro nei primi nove mesi del 2009) rilevato nella valutazione a valori di mercato di due equity swap correlati a piani di stock option. Al netto di tale posta, gli oneri finanziari dei primi nove mesi del 2010 presentano un aumento di 136 milioni di euro, sostanzialmente dovuto al costo del mantenimento di più elevati livelli di liquidità", continua la nota.

"L’utile prima delle imposte del periodo gennaio-settembre è stato di 966 milioni di euro (perdita di 248 milioni di euro nei primi nove mesi del 2009). Tale andamento riflette il significativo miglioramento del risultato operativo (+1.270 milioni di euro) e del risultato delle partecipazioni (+141 milioni di euro), in parte compensati da maggiori oneri finanziari netti per 197 milioni di euro", continua la nota Fiat. "Le imposte sul reddito sono state pari a 684 milioni di euro (317 milioni di euro nei primi nove mesi del 2009), riferibili ai risultati imponibili di società operanti all’estero, nonché a imposte correnti in Italia che colpiscono il costo del lavoro (IRAP) per 72 milioni di euro", conclude la nota.