Home News Finanziaria. Fini: “No alla fiducia su maxi emendamento del Governo”

Finanziaria. Fini: “No alla fiducia su maxi emendamento del Governo”

0
24

"Sarei in grossa difficoltà se la fiducia non fosse posta su un testo che esce dalla Commissione ma su un maxiemendamento del Governo". Parlando durante la presentazione di un libro sui rapporti tra Stati Uniti e Italia che si è tenuta a Montecitorio, è quanto ha risposto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ai cronisti che gli chiedevano del prossimo arrivo della Finanziaria alla Camera dopo l'approvazione in Senato e l'ipotesi di mettere la fiducia sul testo.

"Il maxi emendamento - ha sottolineato Fini - potrebbe anche essere fatto di concerto con la maggioranza, ma poi metterebbe il Parlamento in condizione di non poter intervenire su quel testo". Per di più "non tutte le fiducie hanno lo stesso impatto politico" ha aggiunto, spiegando che "un conto è mettere la fiducia su un testo uscito da una Commissione, un conto è se viene messa su un testo che esce dal Consiglio dei ministri o dall'altra ramo del Parlamento". Il problema, aggiunge, "non è da un punto di vista della legittimità della richiesta del voto di fiducia, ma da un punto di vista politico e del rapporto tra Parlamento e governo".

A proposito del nodo delle riforme istituzionali, una proposta lanciata ieri durante la presentazione del suo libro "Il futuro della libertà" al Corriere della Sera, il presidente Fini ha fatto sapere che non ritiene che si debba partire "con le scorciatoie dei regolamenti parlamentari che sono l'ultimo anello della catena". "Una democrazia è governante e rappresentativa quando ad un capo dell'Esecutivo forte si contrappone un Parlamento forte", ha chiosato. Secondo il presidente della Camera, infatti, "mortificare l'uno o l'altro significa non capire il problema".

Ma l'ex leader di An tiene a sottolineare che "pur non considerando un fatto negativo il rafforzamento del potere esecutivo", così come è oggi la situazione "è un lusso che non possiamo permetterci". "Non è corretto dire che il presidenzialismo strisciante è un fenomeno degli ultimi tempi, anche se ora è più evidente per alcune decisioni prese", ha spiegato Fini chiedendo però di avviare "un ragionamento complessivo per trovare il bandolo della matassa". In particolare, ribadisce il presidente della Camera, "a fronte di una modifica sostanziale dei rapporti tra potere esecutivo e potere legislativo oggi difettiamo di una modifica costituzionale che è più che mai attuale".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here