Finanziaria, Quagliariello (Fi): “Nicolais fa finta di non sapere”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Finanziaria, Quagliariello (Fi): “Nicolais fa finta di non sapere”

13 Novembre 2007

“Il ministro Nicolais smetta di far finta di non sapere”. E’ il commento del senatore Gaetano Quagliariello (Fi) alle dichiarazioni del ministro della Funzione pubblica in merito alla stabilizzazione dei precari della PA.

“L’articolo della Costituzione che impone il concorso per l’ingresso nella Pubblica amministrazione viene infatti calpestato dalle disposizioni sui precari contemplate in questa Finanziaria – spiega Quagliariello -, e l’emendamento D’Amico serve solo a gettare fumo negli occhi. Oltre al concorso, infatti, vengono esplicitamente previste tutte le altre forme di selezione. E si fa anche di peggio, poiché la sanatoria viene ampliata non soltanto a coloro che lo scorso anno sono stati inseriti in procedure di stabilizzazione non ancora concluse, ma anche a quanti per una questione di scadenza dei termini non erano rientrati in tali procedure, e addirittura ai precari che in maniera non continuativa abbiano collezionato un minimo di tre anni nelle PA e che risultino assunti alla  data del 28 settembre 2007”.

“Per quanto riguarda i cosiddetti portaborse, poi – conclude il senatore -, il comma 7 li lascia fuori dalla porta, ma il comma immediatamente successivo concede loro la possibilità di rientrare tra qualche mese dalla finestra. Tutto ciò avviene mentre 70mila giovani vincitori o idonei in regolari concorsi sono tenuti fuori per il blocco delle assunzioni. Con quest’articolo, e con il beneplacito di presunti liberaldemocratici, si verifica una e vera e propria capitolazione dello Stato che viene meno ai suoi obblighi. Per “sistemare” i precari il governo di centrosinistra giunge fino al punto di creare il precariato del merito”.