Fini a Berlusconi: “Cambiamo la legge elettorale”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fini a Berlusconi: “Cambiamo la legge elettorale”

16 Novembre 2007

Il leader di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini ha
detto oggi che è necessario che il centrodestra cambi strategia e si concentri
sul varo di necessarie riforme, in primis quella della legge elettorale, anziché
attendere sterilmente il crollo del governo Prodi.

In quello che suona un appello al leader dell’opposizione Silvio Berlusconi,
che continua a chiedere di andare al voto subito e senza riforme, Fini, dalle
pagine del Corriere della sera, dice che per il centrodestra è “doveroso
riflettere e cambiare strategia” adottandone una “semplice e chiara che parta da
un dato politico tanto ovvio quanto fin qui pervicacemente negato da Berlusconi.
Il governo cadrà un secondo dopo che si avrà certezza che dopo Prodi non si
torna subito alle urne con l’attuale legge elettorale”.

“L’attesa dell’implosione della maggioranza rischia di essere l’attesa di…
Godot se il centrodestra non contribuisce alla sollecita rimozione del macigno
che sbarra la strada alla nuove elezioni: l’attuale legge elettorale”, ribadisce
Fini, aggiungendo che il 2008 può essere “l’anno di poche ma indispensabili
riforme, varate le quali saranno gli italiani a scegliere il premier e la
coalizione di governo”.