Fini fuori onda è un po’ più Fini del solito

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fini fuori onda è un po’ più Fini del solito

01 Dicembre 2009

Gianfranco Fini è incappato in un increscioso “fuori onda” durante un convegno a Pescara il cui video-audio-testo è stato rilanciato oggi da Repubblica.it. Il portavoce del Presidente della Camera si è affrettato a minimizzare il contenuto della conversazione tra Fini e il procuratore della Repubblica, Nicola Trifuoggi, seduto accanto a lui durante il convegno:  “Sono tutte cose già dette in pubblico”. In parte è vero. Ma solo in parte.

Purtroppo il contesto, il tono e soprattutto l’interlocutore trasformano il senso e il tenore del discorso finiano. C’è un’aria di “comunella” tra il presidente della Camera e un magistrato di prima linea (Trifuoggi è quello che vantava una “montagna di prove” contro Del Turco) che stona e disturba. Così quando Fini accenna alla propensione monarchica di Berlusconi, Trifuoggi rincara la dose aggiungendo “è nato con qualche millennio di ritardo, voleva fare l’imperatore”. E allora Fini si sente di aggiungere: “io gliel’ho detto che poi gli tagliano la testa”. E giu’ a ridere.

Nessuno dei due interlocutori ignora che il tentativo di “tagliare la testa” a Berlusconi per via giudiziaria è come non mai chiaro e attuale. Allora, visto il rilievo dei personaggi – oltre al fatto che uno dei due è il co-fondatore del partito del premier e l’altro un pubblico ministero – ci si aspetterebbe un po’ più di pathos istituzionale.

Lo stesso, e forse a maggior ragione, vale quando nella chiacchierata entra in scena in fattore Spatuzza. Fini non mostra nessuno scetticismo al riguardo, anzi considera le dichiarazione del pentito una potenziale “bomba atomica”. La sua preoccupazione è che i magistrati non commettano errori e si muovano con scrupolo. Quando poi Trifuoggi gli dice che – bomba o non bomba – le indagini vanno fatte, Fini è drastico: “ci mancherebbe altro”.

Fini aveva già fatto osservazioni del genere al seminario del Pdl a Gubbio nel settembre scorso e già non erano piaciute. E’ nuovo però il contesto, alla vigilia delle dichiarazioni di Spatuzza in tribunale che dovrebbero dimostrare come Berlusconi fosse il mandante occulto delle stragi di mafia. Ed è inedita –suo malgrado – una certa aria malandrina con cui il presidente della Camera tratta l’argomento. Fini non sembra ritenere inconcepibile un simile scenario, anzi si dimostra consapevole degli effetti che una rivelazione del genere avrebbe sul panorama politico-istituzionale. Un po’ come se lui fosse un osservatore esterno e non l’alleato della prima ora.

C’è infine  una parola che Fini pronuncia deliberatamente al microfono, per capirci “dentro l’onda”. La parola e “bravo!”. Ed è indirizzata a Nino Di Matteo, sostituto procuratore della Direzione Nazionale Antimafia di Palermo che, con il collega Antonio Ingroia, sta raccogliendo le dichiarazioni di Massimo Ciancimino (ndr figlio di Vito) sulla trattativa avvenuta nel ’92 fra Cosa nostra e la nascente Forza Italia, e che in quel momento concludeva il suo intervento dal podio.

Intervento di cui Fini non aveva sentito una sola parola.