Fini: “La sinistra europea ha perso l’egemonia culturale”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fini: “La sinistra europea ha perso l’egemonia culturale”

22 Marzo 2010

"La politica con i suoi strumenti tradizionali, i partiti, è figlia del secolo scorso. Oggi dobbiamo discutere di nuove forme di partecipazione e non fermarci al dibattito su beghe di quello che è accaduto ieri od oggi". Lo ha detto oggi il presidente della Camera Gianfranco Fini nel corso di un’intervista pubblica al Teatro Nuovo di Verona in cui è stato presentato il suo ultimo libro "Il futuro della libertà".

Secondo Fini si tratta tuttavia di una sfida non ancora del tutto vinta: "Perché – si è chiesto – la destra non inorridisce quando attribuiscono solo alla sinistra la difesa dei diritti civili? Ma dove sta scritto? Anche il Welfare dev’essere un’opportunità per la destra. Perché lo deve portare avanti solo la sinistra? Andiamo a sfidarla in campo aperto perché sono finite le ideologie, ma non sono terminate le idee e la destra deve dare risposte alle nuove questioni".

E il presidente della Camera ha quindi lanciato una "sfida" al centrodestra: "La vera crisi di una famiglia politica come la sinistra europea è un deficit di chiavi interpretative del futuro: fa fatica ad immaginare qual è il futuro. La sinistra arranca, non riesce a capire i cambiamenti della società e su questo il centrodestra può impegnarsi nella sfida più difficile, anche alta, la sfida più bella da vincere".