Home News Fisco, Prodi: “Non abbasseremo le tasse”

Fisco, Prodi: “Non abbasseremo le tasse”

0
2

La lotta all’evasione sta portando i suoi frutti, ma è presto per parlare di “ritocchi” alle aliquote fiscali, anche se il Governo sta iniziando a prendere in considerazione il problema. È quanto ha affermato il Presidente del Consiglio, Romano Prodi durante il suo intervento a porta a Porta.

Il premier ha detto infatti che: “Abbiamo qualche risorsa straordinaria e qualcosa dovremo darla per ricostituire il nostro capitale sociale: le Ferrovie dello Stato, l'Anas... Poi, è chiaro che si debba prendere in esame di cominciare una restituzione complessiva. Più un contribuente si manifesta con onestà, evade meno tasse, più debbo restituire. E debbo dire che la lotta all'evasione fiscale sta cominciando a dare i suoi frutti. E i risultati certo dovranno andare anche a beneficio dei consumatori”.

Di fronte a questa situazione prodi spiega che non  è possibile ridurre le entrate fiscali, o almeno “non subito: i miglioramenti dovranno andare avanti nel tempo, ma il problema ce lo siamo posto”. Ma, ha assicurato Prodi: “Non ho nessuna intenzione di strozzare gli italiani: ogni volta che ci sarà la possibilità di dare un sollievo fiscale lo faremo, e cominceremo presto”. Il presidente del Consiglio ha poi sottolineato che “le cose si fanno progressivamente, con le risorse che si hanno”. Senza dimenticare che “io parto da 69 miliardi di euro all'anno per gli interessi passivi sul debito pubblico: ma vi rendete conto? Allora passo passo,come la formica, dobbiamo fare passi misurati alle risorse che abbiamo e dobbiamo continuare nella lotta all'evasione: e dove si fa il controllo, la gente se ne accorge e si mette in regola”.

Anche il vicepremier, Francesco Rutelli, è intervenuto sul fisco e al Tg1 ha detto: “Abbattere l'Ici sulla prima casa credo sia il segnale giusto da dare, soprattutto per chi ha un reddito medio basso”. Intanto un segnale per i pensionati sta, starebbe già arrivando: “A chi ha una pensione bassa arriveranno a ottobre 300 euro puliti di quattordicesima in tasca”, ha annunciato il vicepremier.

In reazione alle dichiarazioni di Prodi è intervenuto Roberto Maroni, presidente dei deputati della lega Nord, che ha confermato lo sciopero fiscale, lanciato dal gruppo domenica scorsa. Infatti, ha detto Maroni: “Dopo le ultime dichiarazioni del Presidente del Consiglio, Romano Prodi, che annuncia che non ci sarà alcuna riduzione della pressione fiscale per i cittadini nella prossima finanziaria, c'è una ragione in più per attuare lo sciopero fiscale che la Lega Nord ha lanciato domenica a Venezia”.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here