Gb. Gordon Brown accusato di aver bloccato un dossier sui rimborsi spese

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Gb. Gordon Brown accusato di aver bloccato un dossier sui rimborsi spese

10 Giugno 2009

Non c’è pace per Gordon Brown. Il premier viene attaccato dal Daily Telegraph sulla vicenda dei rimborsi spese parlamentari di Shahid Malik, l’ex sottosegretario alla Giustizia reintegrato ieri nel governo con l’incarico di ministro delle Comunità. Brown ha "rifiutato" di rendere pubblici i documenti dell’inchiesta su Malik, che ha sollevato l’ex sottosegretario dall’accusa di essersi fatto rimborsare il massimo consentito per una seconda casa, nonostante per la sua residenza principale pagasse soltanto un affitto "scontato" di 110 euro alla settimana.

Il giornale accusa il premier di non aver mantenuto così una nuova era di trasparenza in politica. L’inchiesta, condotta da Sir Philip Mawer, il consulente indipendente di Brown sugli affari ministeriali, "dovrebbe essere resa pubblica", ha dichiarato Sir Christopher Kelly, che presiede la commissione che vigila sul comportamento dei deputati britannici. Downing Street, riferisce il Telegraph, ha rifiutato di rendere pubblico il documento perchè "entra troppo nel dettaglio della vita personale di Malik, quindi non è opportuno che venga reso pubblico".